Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

United, Ten Hag furioso: “La squadra deve cambiare mentalità, o da il 100% sino alla fine o non vincerà mai”

United, Ten Hag furioso: “La squadra deve cambiare mentalità, o da il 100% sino alla fine o non vincerà mai” - immagine 1
Il tecnico non si è limitato alla critiche ma ha anche spiegato come e dove si debba migliorare

Redazione Il Posticipo

Erik ten Hag non ci sta. Il tecnico dello United ha aspramente rimproverato l'atteggiamento dei suoi dopo la sconfitta contro l'Arsenal. Il tecnico olandese, come riportato da Sky Sports, non ha lasciato spazio alle interpretazioni. La sua squadra deve cambiare mentalità.

NO

—  

L’epilogo dell’Emirates è un bis non gradito. Anche con il Crystal Palace il gol avversario è arrivato in prossimità del triplice fischio finale. In quel caso, il gol è costato la vittoria. Contro l'Arsenal un pareggio. Totale, tre punti persi. Quanti basta per mandare su tutte le furie Ten Hag. “Questa è la seconda partita consecutiva in cui prendiamo gol nel recupero o intorno al 90’. Forse nelle prossime ore prenderemo atto di essere comunque in una buona posizione di classifica e che il percorso di crescita è confortante ma in questo momento sono infastidito e l’ho anche detto ai calciatori. Se si vuole vincere, occorre cambiare mentalità. Non è possibile, né accettabile che in una partita così importante si commettano tre errori così grandi da causare altrettanti gol".

United, Ten Hag furioso: “La squadra deve cambiare mentalità, o da il 100% sino alla fine o non vincerà mai” - immagine 1

DISCIPLINA

—  

Ten Hag non si è limitato alla critiche ma ha anche spiegato come e dove si debba migliorare. “È tutta questione di disciplina e mentalità. Quando si è in vantaggio 1-0 non è possibile regalare con tanta facilità l'1-1. Se non si riesce a essere ordinati e concentrati nel rispettare le direttive, si subisce il gol. E sino a che la squadra continuerà a disunirsi prenderemo gol. Lo United deve imparare ad adeguarsi alla realtà. Per vincere partite di livello occorre sacrificarsi, soffrire, seguire le regole e i principi di gioco. E in alcune occasioni evidentemente non è andata così, altrimenti avremmo vinto o almeno avremmo pareggiato questa partita. I giocatori devono rendersi conto che la partita è finita solo quando l'arbitro fischia per tre volte e sino ad allora occorre dare il 100%. Regalando gol, perdi punti. E perdendo punti, non si vincono trofei”.