Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

United, Solskjaer è nel mirino dei tifosi: “Benvenuto Antonio Conte”, ma anche “è ora di finirla con Ole”

United, Solskjaer è nel mirino dei tifosi: “Benvenuto Antonio Conte”, ma anche “è ora di finirla con Ole”

Il Villarreal imbriglia i Diavoli Rossi, toglie loro il forcone e li rende quasi inoffensivi. Ma soprattutto, spedisce all'inferno il tecnico norvegese, che ora rischia. Anche perchè i tifosi non l'hanno mica presa bene...

Redazione Il Posticipo

112 anni dopo la nascita di Matt Busby, l'uomo che ha creato la leggenda del Manchester United. E 22 anni dopo la finale del Camp Nou, che era stata decisa da un gol all'ultimo respiro proprio di Ole Gunnar Solskjaer. La cabala sembrava aver parlato, la finale di Europa League il 26 maggio doveva spedire il trofeo dritto dritto a Old Trafford, quattro stagioni dopo quella portata da Josè Mourinho. E invece il tecnico norvegese vede festeggiare Unai Emery, sempre più il Signore dell'Europa League, dopo una partita che il suo United non gioca come dovrebbe e come vorrebbe. Il Villarreal imbriglia i Diavoli Rossi, toglie loro il forcone e li rende quasi inoffensivi. Ma soprattutto, spedisce all'inferno il tecnico, che ora rischia il posto.

#SOLSKJAEROUT - Già, perchè a Manchester sponda United il motto non è "vincere è l'unica cosa che conta", ma poco ci manca. E considerando che il norvegese in due anni e mezzo non ha portato neanche un trofeo, la pazienza dei tifosi sembra essere terminata. E nemmeno un credito che pareva illimitato, derivante da una carriera eccezionale e da quel gol contro il Bayern che è valso un Triplete, sembra essere in grado di difenderlo. Dunque, dopo il fischio finale, scatta sui social un hashtag abbastanza prevedibile: #SolskjaerOut. Anche perchè in un momento in cui saltano panchine in giro per l'Europa, molti supporter dei Red Devils pensano a un cambio di rotta e...approfitterebbero molto volentieri della sconfitta di Danzica per una mini rivoluzione.

 MANCHESTER, ENGLAND - JANUARY 24: Paul Pogba of Manchester United and Ole Gunnar Solskjær, Manager of Manchester United interact as Jurgen Klopp, Manager of Liverpool makes their way across the pitch after The Emirates FA Cup Fourth Round match between Manchester United and Liverpool at Old Trafford on January 24, 2021 in Manchester, England. Sporting stadiums around the UK remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Laurence Griffiths/Getty Images)

I NOMI - Dunque è subito... "Benvenuto Antonio Conte", collegandosi alle vicende di casa nostra. Ma i suggerimenti non si fermano lì: "C'è disponibile gente come Conte o Zidane, è ora di finirla con la versione di prova di Ole". Ma anche: "Non lo sopporto, un club normale lo avrebbe licenziato stasera e avrebbe assunto un allenatore come si deve: ci sono liberi Zidane, Allegri o Conte". Insomma, la fiducia dei tifosi nei confronti del norvegese sembra ormai terminata. Al punto che persino i due suoi predecessori, Mourinho e Van Gaal, vengono rivalutati. Dello Special One spunta la foto con l'Europa League in mano, mentre dell'olandese si ricorda la vittoria della FA Cup. Tutte cose che quello che tutti chiamano "l'assassino con la faccia da bambino" non è riuscito a ottenere. E forse in Polonia si è chiusa un'era...