Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

United peggiore di sempre in Premier: mai meno di 64 punti in una stagione

Rangnick non cerca scuse, anzi le chiede. "Sembravamo he fossimo in pausa estiva. Una prestazione terribile. Possiamo solo scusarci con i tifosi che sono venuti fino al Brighton".

Redazione Il Posticipo

Manchester United a picco. N0tte buia per Rangnick e Cristiano Ronaldo che per la prima volta nella sua carriera da giocatore affermato non riesce a centrare la Champions. La prima e unica occasione, sinora, risale alla stagione 2002/2003 quando chiuse terzo in campionato con lo Sporting Lisbona.

INCUBO - Numeri da incubo anche per i Red Devils mai così male come negli ultimi anni. La squadra di Rangnick con 58 punti e una sola partita da giocare, chiuderà la stagione, secondo i dati forniti da Opta, con il minor punteggio mai ottenuto in Premier. Per trovare qualcosa di peggio occorre fermare le lancette alla stagione 2013/2014 quando i Red Devils ne totalizzarono 64. Record negativo anche per gol subiti. Dal ritiro di Sir Alex Ferguson lo United ha subito quattro reti in 12 partite. Con lo scozzese in panchina ne sono servite 810.

SCUSE - Rangnick, ai microfoni di skysports non cerca scuse. Piuttosto, le chiede. "Oggi a volte sembrava che fossimo in pausa estiva. Una prestazione terribile. Possiamo solo scusarci con i tifosi che sono venuti fino al Brighton e hanno visto una partita umiliante.  semplicemente non siamo stati abbastanza bravi. Siamo rimasti con un pizzico di equilibrio in campo solo per una trentina di minuti ma evidentemente non è stato sufficiente. Mi sembra evidente che ci siano dei problemi considerando che questa squadra ha perso anche contro il Watford, che è retrocesso, per 4-1. Le lacune non sono da rintracciare nei singoli ma nell'insieme".

DISCONTINUO - Il problema, secondo il tedesco, è di una fragilità di fondo. "Non credo che questa squadra abbia sottovalutato l'avversario. Non è riuscita a prendere le contromisure in campo concedendo spazi e tempi di gioco. Non è una questione di qualità individuale ma di continuità di rendimento. Lo abbiamo già mostrato in altre partite. Adesso è assolutamente necessario cambiare marcia contro il Crystal Palace perlomeno per l'ultima giornata di campionato quando ci serviranno dei punti per qualificarci alla prossima Europa League".