Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

United, Diallo è già una stella…cadente: l’ex Atalanta, costato oltre 30 milioni, andrà via in prestito

United, Diallo è già una stella…cadente: l’ex Atalanta, costato oltre 30 milioni, andrà via in prestito - immagine 1

Da stella in divenire a talento in prestito, il passo può essere breve... E ci mancava solo l'esplosione di Elanga, un altro giovanissimo, per togliere ulteriore spazio all'ex Atalanta. Quanto basta per pensare di andare a raccogliere minuti...

Redazione Il Posticipo

Pagare un ragazzo di diciotto anni più di 30 milioni di euro può significare due cose: o si hanno davvero tanti soldi da spendere, oppure si crede ciecamente nelle sue capacità. Considerando che in periodo di pandemia anche i grandissimi club non se la passano troppo bene, l'opzione uno è decisamente da scartare. E quindi il Manchester United ha davvero molta fiducia in Amad Diallo, considerando quanto ha versato all'Atalanta, tra cifra base e bonus, per assicurarselo già a gennaio scorso. Nei primi mesi ogni centesimo sembrava molto ben speso, considerando che l'ivoriano ha fatto faville nella squadra giovanile e che poi ha esordito in tutte le competizioni, segnando anche il suo primo gol con la maglia del club in un match di Europa League. Adesso però la sua è una stella... cadente.

FLOP - Già, per l'ex Atalanta cominciano i problemi. Oltre all'arrivo di Sancho e Ronaldo che hanno ulteriormente chiuso gli già esigui spazi per il ragazzo, si è aggiunta anche una stagione parecchio sfortunata, sinora, per i Red Devils. E né con Solskjaer, né con Rangnick ha trovato molto spazio. Mai impiegato in campionato, ha giocato 68' nella sfida con lo Young Boys nell'ultima e superflua, ai fini della classifica, sfida fra United e Young Boys. Come spiega il Sun, ci mancava solo l'esplosione di Elanga, un altro giovanissimo, per togliere ulteriore spazio all'ex Atalanta. Quanto basta per pensare di andare a raccogliere minutaggio ed esperienza altrove.

PRESTITO - L'idea dello United è di farlo proseguire nel Regno Unito, con i Rangers in prima fila per averlo. La certezza è che il ragazzo passerà i prossimi sei mesi lontano da Carrington. Del resto quando un cartellino, tra costi fissi e bonus, arriva a costare quaranta milioni, tenere il calciatore in panchina o addirittura in tribuna sarebbe uno spreco bello e buono. Anche Solskjaer, del resto, aveva già fatto capire che ci sarà una decisione da prendere. "Usiamo ogni singolo calciatore e pensiamo al miglior percorso per ognuno e per il club. Pensiamo a quello che è meglio per questa stagione, ma anche per il futuro". E da stella in divenire a talento in prestito, il passo può essere breve...