Una serata particolare: Re Diego incontra il “suo” Newell’s e guida il Gimnasia… seduto su un trono

Una serata particolare: Re Diego incontra il “suo” Newell’s e guida il Gimnasia… seduto su un trono

Il Gimnasia va a fare visita all’Estadio Marcelo Bielsa e a guidare il club di La Plata c’è un certo Diego Armando Maradona, che ha giocato con il Newell’s nella stagione 1993/94. E che riceve un’accoglienza leggendaria, tra regali, gigantografie e addirittura…una panchina molto speciale.

di Redazione Il Posticipo

Da un Re…a un altro. A Rosario, sponda Newell’s Old Boys, aspettano con ansia che sua maestà Leo Messi faccia sapere se giocherà mai con la squadra della sua città. La Pulce ha spiegato che è complicato e che per farlo dovrà convincere la sua famiglia, quindi tanto vale non farsi tante illusioni. E accontentarsi di accogliere un altro figliol prodigo niente male. Il Gimnasia va a fare visita all’Estadio Marcelo Bielsa e a guidare il club di La Plata c’è un certo Diego Armando Maradona, che ha giocato con il Newell’s nella stagione 1993/94. E che riceve un’accoglienza leggendaria, come riporta AS.

REGALI – I riconoscimenti per il Diez sono iniziati all’arrivo del Gimnasia, con tantissimi tifosi della squadra di casa che hanno aspettato il pullman per dare il benvenuto a Maradona. Che prima della partita ha anche ricevuto una maglia personalizzata del Newell’s (ovviamente con il numero 10) che omaggia sua madre e un quadro che celebra il periodo in cui indossava il rossonero. E ancora foto, illustrazioni e targhe, tutto per un Maradona visibilmente commosso dalle attenzioni ricevute. Anche la aficion all’interno dello stadio ci ha messo del suo, salutando Diego con una gigantografia sulle tribune e con un amore che di solito difficilmente si riserva all’allenatore della squadra avversaria.

ACCOGLIENZA – Ma Diego non è mica uno qualsiasi e lo si capisce anche…da una panchina tutta per lui. Anzi, da un trono, come si addice a un re. Il Newell’s ha infatti preparato una poltrona speciale per permettere a Maradona di seguire la partita il più comodamente possibile. “È una cosa meravigliosa, non ci posso credere, non me lo aspettavo”, ha detto il Diez ai tifosi rossoneri, riuscendo a malapena a trattenere le lacrime. “Un giorno ci incontreremo, non lo dico tanto per dire”. Intanto, però, il Newell’s a fine partita si sarà quasi pentito di un’accoglienza simile. Il match termina infatti 0-4 per gli uomini di Diego, che fa uno sgambetto alla sua ex squadra e ne frena le ambizioni di alta classifica. Alla faccia…della riconoscenza!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy