Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Una promessa è una promessa: il Velez rinnova a Gago nonostante il covid per fargli terminare la carriera… in campo

Fernando Gago aveva promesso al figlio di lasciare il calcio da giocatore e non a causa di un infortunio. Il Velez Sarsfield lo aiuta a non rompere il giuramento e arriva il rinnovo, nonostante la situazione in tutto il mondo non sia poi così...

Redazione Il Posticipo

Nella vita si possono dire tante cose, farle o farne altre. Ma una promessa è una promessa. Così come alcuni giocatori hanno promesso di non lasciare una squadra prima di conquistare un trofeo con la sua maglia, qualcuno giura di non lasciarla mai. Purtroppo, la buona riuscita di una promessa non dipende sempre dalle buone intenzioni di chi la pronuncia. D’altronde, la vita è ciò che ti succede mentre fai altri piani e Fernando Gago lo sa bene. Aveva promesso al figlio di lasciare il calcio da giocatore e non a causa di un infortunio. E il Velez Sarsfield lo aiuta a non rompere il giuramento e gli offre il rinnovo.

PROMESSA - Gago, dopo essere arrivato al Velez un anno (esatto) fa, non si aspettava di concludere la sua avventura fuori dal campo per l’ennesimo infortunio al ginocchio. E se non poteva immaginarsi una cosa del genere, figuriamoci se 365 giorni fa potesse lontanamente fantasticare su una pandemia in arrivo, in grado di fermare il calcio a livello mondiale. La carriera del centrocampista argentino, che ha giocato una breve parentesi in Italia con la maglia della Roma, è stata letteralmente costellata da problemi fisici ma al suo ritorno in campo ha sempre dato prova di essere ancora in grado di tornare a fare la differenza. La fortuna non gli è mai stata amica però ed ecco perché a 34 anni, il ragazzo pensa già all’addio al calcio. Ora, però, non può: ha promesso a suo figlio che avrebbe lasciato da giocatore e non da infortunato.

RINNOVO - Come riporta El Mundo Deportivo, Il club argentino ha deciso di assecondare questa promessa dando all’ex Real Madrid la possibilità di tornare a giocare con un contratto valido fino a dicembre 2021. Il ragazzo ha a disposizione un altro anno sei mesi per aumentare i suoi gettoni presenza, superando le 13, di cui solo 11 da titolare prima dell’infortunio in Copa Libertadores. Anche lui, quindi, si unisce alla lista di giocatori che “grazie” alla pandemia sono riusciti a recuperare da un infortunio e ora potrà tornare a dare una bella mano con la sua esperienza a “El Fortin”.