Un Pozzo…di vittorie: Mancini nella storia, con Fabbri e Sacchi

Un Pozzo…di vittorie: Mancini nella storia, con Fabbri e Sacchi

L’Italia vince ancora, e Mancini entra nella storia della Nazionale, uguagliando il numero di vittorie consecutive mai ottenuto dagli Azzurri.

di Redazione Il Posticipo

L’Italia batte per 5-0 il Liechtenstein e si conferma ancor di più padrone del girone. Nonostante la certezza del primo posto nel gruppo e la qualificazione ad Euro2020 già in tasca, gli Azzurri scendono in campo con la voglia che li ha contraddistinti in questo inizio di avventura, e trovano il vantaggio dopo appena due minuti di gioco. Tanti i cambi messi in pratica da Mancini, che entra di diritto nella storia della Nazionale italiana.

RECORD – Una record che durava da ottanta anni. L’Italia di Mancini, con la vittoria messa in bacheca contro il Liechtenstein, raggiunge quota nove vittorie consecutive in tutte le competizioni. Una statistica importante per infondere entusiasmo in un ambiente che, prima dell’arrivo del nuovo selezionatore, aveva perso gran parte dell’interesse nella Nazionale italiana. Prima di Mancini, a riuscire nell’impresa, solo Vittorio Pozzo, tra il 1938-39. C’è da dire, però, che in quelle nove vittoria consecutive, c’era di mezzo anche la finale di Coppa del Mondo, non proprio una partita come le altre. E prima ancora un altro Mondiale e una Olimpiade.

MANCINI – Italia comunque rinata. E il  merito, in gran parte, è di Mancini, che ha rimesso in vita una Nazionale priva di entusiasmo, reduce da troppi anni di fallimenti. Il bilancio delle prime diciassette partite come tecnico dell’Italia, è più che mai positivo: 11 vittorie, 4 pareggi e 2 sconfitte. Meglio di lui, solamente Sacchi e Fabbri, con lo stesso numero di vittorie ma un pareggio in più e, di conseguenza, una sconfitta in meno. L’obiettivo, adesso, è chiudere nel migliore dei modi il girone, con due partite mancanti, e proiettarsi immediatamente verso l’Europeo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy