Un Pistolero…per Bergoglio: “Suarez è tifoso del San Lorenzo, sarebbe bellissimo se giocasse nella squadra di Papa Francesco”

Tutti vogliono Luis Suarez, ma per molte squadre, tra blasone e ingaggio del centravanti, il Pistolero è destinato a rimanere solamente un sogno. Ma c’è qualcuno che qualche motivo per sperare ce l’ha. Marcelo Tinelli, presidente del San Lorenzo, sa che nel cuore del bomber c’è spazio per il rossoblu.

di Redazione Il Posticipo

Tutti vogliono Luis Suarez. Normale, considerando che il Pistolero sembra ormai giunto alla fine della sua avventura al Barcellona. A 33 anni, l’uruguaiano può ancora garantire qualche stagione importante e non sorprende che molte big guardino con attenzione alla sua situazione. Per le altre squadre, tra blasone e ingaggio del centravanti, Suarez è destinato a rimanere solamente un sogno. Ma c’è qualcuno che qualche motivo per sperare ce l’ha. Marcelo Tinelli, presidente del San Lorenzo, sa che nel cuore del Pistolero c’è spazio per il rossoblu. E spiega a Mundo Deportivo che se il centravanti vuole, il club argentino farà di tutto per portarlo a Boedo.

SOCIO – “Luis è socio del San Lorenzo, gli ho portato la tessera io stesso quando sono andato alla presentazione dello spettacolo del Cirque du Soleil Messi 10. L’ho affidata a Leo affinchè gliela desse. Suarez ha detto pubblicamente di essere un tifoso del San Lorenzo e di avere come idolo una delle nostre leggende, Bernardo Romeo”. Tutto vero, lo ha raccontato lo stesso Pistolero anni fa, spiegando come il San Lorenzo dei primi anni Novanta abbia colpito la sua immaginazione quando era un bambino in Uruguay. E Tinelli cerca anche…appoggi importanti per convincere Suarez… “Sarebbe molto bello che uno dei migliori centravanti del mondo giocasse nella squadra di Papa Francesco”.

INGIUSTO – Del resto, la situazione con il Barça è ormai compromessa. “Mi sembra molto ingiusto che un gran calciatore come lui non trovi più posto al Barcellona, per me è ancora oggi uno dei migliori centravanti del mondo.  Sono sorpreso da tutto quello che sta succedendo con lui. Spero che possa continuare al Barça, che è uno dei migliori club al mondo e quindi deve avere il miglior numero 9. Ma da quello che si sente, sembra difficile che vada così. E se non può avvenire, ovviamente al San Lorenzo saremmo felicissimi di accoglierlo”. Ma cosa può offrire a Suarez il San Lorenzo? L’amore incondizionato di una tifoseria. “Qui lo amiamo tutti, compresi i tifosi. Si troverebbe benissimo. Sarebbe un sogno avere Luis Suarez al San Lorenzo. E ovviamente le porte per lui sono aperte. Basta che ci faccia un cenno e lo andiamo a cercare…”. Se poi ci dovesse mettere una buona parola il Papa…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy