Un ex arbitro spagnolo rivela: “Nessuno vorrebbe dirigere il Clasico. Se vieni designato ti chiamano tutti”

Un ex arbitro spagnolo rivela: “Nessuno vorrebbe dirigere il Clasico. Se vieni designato ti chiamano tutti”

Oggi Eduardo Iturralde Gonzalez ho riposto il fischietto nel cassetto, ma non dimentica quello che ha fatto nel corso della sua carriera fatta di tantissime partite e anche di qualche Clasico. L’ex arbitro spagnolo ha sorpreso tutti con le sue dichiarazioni…

di Redazione Il Posticipo

Il Clasico è una partita bollente per chiunque, arbitri compresi. Domenica è in programma Real Madrid-Barcellona, sfida fondamentale per la corsa al titolo (Lionel Messi e compagni in testa con 2 punti di vantaggio). Per la partita del Santiago Bernabeu è stato designato Antonio Mateu Lahoz: non sarà un weekend facile per lui. L’ex direttore di gara Eduardo Iturralde Gonzalez ha rivelato che cosa significa dirigire un confronto simile fatto di tanta rivalità.

PATATA BOLLENTE – Meglio qualsiasi altra partita! Eduardo Iturralde Gonzalez lo ha ribadito ai microfoni di Espn: “Sapete che cosa dicevamo nel weekend del Clasico? Dicevamo che avere qualsiasi altra partita sarebbe stato meglio. Quel fine settimana, qualsiasi cosa avresti fatto su un campo diverso dal Santiago Bernabeu oppure dal Camp Nou sarebbe passato inosservato. Non saresti mai finito sui giornali, nessuno avrebbe parlato di te perché il Clasico mette tutto in secondo piano”. Eduardo Iturralde Gonzalez non ha dimenticato le tensioni di quelle sfide: “Se vieni designato per il Clasico, l’attenzione dei media è intensa e la pressione è incredibile. Ti chiamano chiunque da qualsiasi parte del mondo. ‘Ciao, siamo il giornale studentesco dell’Università del Messico’… È così per davvero, ti cercano tutti. Io qualche volta ho risposto”. Non esattamente la migliore cosa possibile per un arbitro…

TRE CLASICOS – Eduardo Iturralde Gonzalez è stato il miglior arbitro di Spagna per oltre un decennio, vivendo 17 anni al vertice. Nella sua carriera ha arbitro il Clasico nel 1999, nel 2005 e nel 2010: in tutti e tre i casi sono stati dolori per il Real e gioie per il Barcellona. Nessuno ha dimenticato il risultato del 2010 e quel 5-0 rifilato dagli uomini di Pep Guardiola a quelli di José Mourinho rimasti in dieci per l’espulsione di Sergio Ramos. Eduardo Iturralde Gonzalez non ha mai dimenticato quell’azione: “Sapevo che lo avrebbe preso. L’ho visto correre verso Messi e ho pensato che lo avrebbe colpito. È importante conoscere i giocatori, i sistemi e i movimenti. Per arbitrare non puoi solo conoscere le regole, devi conoscere il gioco. Se non avessi saputo annusare l’azione non avrei avuto una posizionale ottimale per vederlo”. Quella sera al Camp Nou c’è stato un parapiglia: “Sergio Ramos ha sfidato Carles Puyol, c’era Xavi, si sono avvicinati i due portieri.  Ho provato a mettermi in mezzo, ma è stato impossibile. L’unico che era rimasto in disparte era Andrés Iniesta”.. E Casillas, visto il risultato, gli ha chiesto un favore: “Itu, ti prego, non arbitrare più il Clasico“. Chissà se Saint Iker sapeva che anche il fischietto ne sarebbe stato felice…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy