Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Umtiti sgrida un bambino che ha toccato la sua Ferrari

BARCELONA, SPAIN - JANUARY 03: Samuel Umtiti of FC Barcelona in action during a training session at Camp Nou on January 03, 2022 in Barcelona, Spain. (Photo by David Ramos/Getty Images)

Un bambino ha cercato di richiamare la sua attenzione bussando sul finestrino della sua Ferrari. Un gesto che ha infastidito e non poco il difensore.

Redazione Il Posticipo

Samuel Umtiti, difensore centrale del Barcellona e campione del mondo con la Francia, è stato protagonista di una figuraccia con un gruppo di tifosi che erano fuori dalla Ciudad Deportiva Joan Gamper. Come riportato dal Diez, il calciatore dopo aver terminato l'allenamento questa domenica, si è fermato mentre molti fan stavano aspettando un autografo e ha... sgridato un bambino.

BAMBINO - Mentre il francese era impegnato ad apporre la sue firme un bambino ha cercato di richiamare la sua attenzione bussando sul finestrino della sua Ferrari. Un gesto che ha infastidito e non poco il difensore che ha richiamato il ragazzino invitandolo a mantenere la calma e a non toccare la sua macchina. "Ti vedo, non devi toccare" ha esclamato con fastidio il calciatore. E quindi, visibilmente arrabbiato, ha chiuso la sessione di autografi accelerando e lasciando il centro sportivo. E il bambino senza autografo. Il video è finito on line e la reazione dei tifosi non si è fatta attendere. Più di qualcuno gli ha ricordato che sarebbe il caso di essere più gentile considerando lo stipendio che gli paga il Barcellona per non scendere mai in campo. Altri invece sottolineano che ci voglia rispetto per i tifosi e soprattutto per i più piccoli.

BARCELONA, SPAIN - JANUARY 03: Samuel Umtiti of FC Barcelona in action during a training session at Camp Nou on January 03, 2022 in Barcelona, Spain. (Photo by David Ramos/Getty Images)

PRECEDENTE - Non è la prima volta che Umtiti si ritrova in situazioni al limite con la sua auto. Anche nello scorso dicembre il centrale difensivo francese non ha preso benissimo l'eccessivo calore dei tifosi culé che lo avevano riconosciuto ad un semaforo "circondandolo". E per evitare di farlo ripartire ed ottenere l'autografo, qualcuno gli si è messo davanti appoggiandosi anche sul cofano della sua auto. E anche in quel caso il francese è andato su tutte le furie prima suonando il clacson per disperdere la mini folla e poi affrontando a muso duro uno dei tifosi più insistenti chiedendogli rispetto. Morale della storia. Il ragazzo è disponibile agli autografi e ai selfie con i tifosi, purché nessuno sfiori l'automobile. Alla luce dei fatti non è decisamente una buona idea .