Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Umtiti derubato…. e bello addormentato: la polizia gli perquisisce casa e lui si appisola!

(Photo by David Ramos/Getty Images)

Il difensore del Barcellona sta vivendo un momento complicato fuori dal campo: la casa del francese è stata presa d'assalto lo scorso settembre e la polizia sta indagando sul furto per saperne di più. Samuel Umtiti però si è addormentato sul...

Redazione Il Posticipo

La vita di un calciatore non è una passeggiata di salute: i guadagni sono quasi sempre di primissimo livello, ma il peso delle critiche e le luci dei riflettori si fanno sentire. Per Samuel Umtiti i problemi sono diventati parecchi dopo il furto subito in casa lo scorso settembre, mentre il giocatore era impegnato contro il Valencia al Camp Nou. Quel giorno il francese infortunato non è sceso in campo e si è piazzato nell'area vip dello stadio. Proprio in quel mentre i malviventi stavano prendendo d'assalto casa sua ad Esplugues de Llobregat svaligiando anche la sua cassaforte.

ALLARME - Questi assalti da parte di bande specializzate in questi crimini non sono una novità in Spagna: anche Semedo, Arthur e Piqué sono stati vittime di questa pratica come vari membri del personale del Real Madrid. Lo scorso settembre i vicini del difensore francese hanno trovato la porta di casa aperta e hanno chiamato subito le forze dell'ordine. Dopo l'intervento della polizia locale di Esplugues, un gruppo scientifico si è messo al lavoro per trovare tracce che potessero faciliare l'arresto degli aggressori. Ed è qui che arriva la parte curiosa di questa brutta storia...

BELLO ADDORMENTATO - Quando il team IOTP (Police Technical Eye Inspection) si è presentato a casa del difensore, Umtiti stava giocando ai videogiochi e ha messo la console in pausa per dare loro carta bianca. Il francese è rimasto davanti alla televisione, sul più bello però la stanchezza ha avuto la meglio: secondo quanto riportato da As, la polizia è rimasta senza parole quando si è accorta che il giocatore si era addormentato profondamente sul divano.  Il gruppo scientifico si è fatto una risata e ha continuato a cercare le impronte digitale degli aggressori per casa nella più totale normalità fino a quando il giocatore non si è svegliato per salutare a lavoro finito: "Ho fatto un bel sonnellino". Il giocatore ha il sonno pesante: adesso lo sanno anche i malviventi e potrebbe essere un problema.