Tweet polemico sulle mascherine e sul nazismo, Le Tissier costretto a scusarsi

Tweet polemico sulle mascherine e sul nazismo, Le Tissier costretto a scusarsi

Per discutere le imposizioni del governo britannico sulla mascherina sui mezzi pubblici, Matthew Le Tissier ha utilizzato un paragone che non è stato molto apprezzato. E che ha generato talmente tante polemiche che alla fine la leggenda del Southampton si è dovuta scusare.

di Redazione Il Posticipo

Oltre al triste bilancio di quasi un milione di morti in tutto il mondo, la pandemia di Covid-19 ha avuto diversi e inattesi effetti collaterali. Uno dei quali è la lotta all’obbligo di mascherina, imposto praticamente ovunque in luoghi pubblici al chiuso, ma criticato da tantissime persone. E anche le stelle del calcio non fanno eccezione. Peccato che, per discutere le imposizioni del governo britannico sulla mascherina sui mezzi pubblici, Matthew Le Tissier abbia utilizzato un paragone che non è stato molto apprezzato. E che ha generato talmente tante polemiche che, come spiega Mundo Deportivo, la leggenda del Southampton si è dovuta scusare.

MASCHERINA – Per l’ex calciatore inglese non è un ottimo momento, considerando che è anche stato licenziato da Sky Sport, di cui era opinionista, per le sue opinioni negative sul movimento Black Lives Matter. E ora potrebbe andare peggio. Tutto nasce dalla condivisione di un video su Twitter in cui un agente di polizia rimprovera una persona che su un treno non indossa la mascherina. Ma a far discutere è la didascalia: “Quelli che nascondevano Anna Frank stavano violando la legge, quelli che l’hanno uccisa la stavano rispettando”. Un esempio ben poco pregnante, visto che paragona il dramma dell’olocausto alle misure anti-Covid che sono state imposte nel Regno Unito.

SCUSE – Per commentare la scena, Le Tissier ha scritto: “Ricorda questo” e non sono mancati i commenti negativi. All’inizio, spiega Mundo Deportivo, l’ex stella dei Tre Leoni, è rimasta sulla difensiva, spiegando di non aver affermato nulla di sbagliato. Poi, però, ci ha evidentemente ripensato, cancellando il tweet e scrivendo un messaggio di scuse: “Chiedo scusa per il mio tweet. Ovviamente è stato preso al di fuori dal contesto, ma lo ho cancellato affinchè non si faccia confusione”. Fine delle polemiche? A giudicare dalle risposte, non proprio. “Ti succede un po’ troppo spesso di dire stupidaggini, Matt”, chiosa un follower. E la discussione…continua.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy