Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Tutti sognano Gallardo: “Due anni fa abbiamo detto no al Barça, l’Uruguay lo voleva al posto di Tabarez…”

BUENOS AIRES, ARGENTINA - NOVEMBER 25: Marcelo Gallardo head coach of River Plate holds the championship trophy after a match between River Plate and Racing Club as part of Torneo Liga Profesional 2021 at Estadio Monumental Antonio Vespucio Liberti on November 25, 2021 in Buenos Aires, Argentina. (Photo by Rodrigo Valle/Getty Images)

El Muñeco, tecnico del River Plate ormai da parecchi anni, ha da poco confermato che allenerà i Millonarios anche nella prossima stagione. E dire che l'argentino è uno dei nomi caldi della panchina mondiale...

Redazione Il Posticipo

Quando è cominciato il momentaccio del Barcellona? L'addio di Messi è stato l'apertura del vaso di Pandora o i problemi erano precedenti? Di certo, il valzer dei tecnici che si sono susseguiti dopo l'esonero di Valverde non ha aiutato. Già la cacciata del tecnico, che pure all'epoca era primo in classifica e qualificato senza problemi agli ottavi di Champions League, è sembrata assurda. E non è andata meglio con il suo successore, Quique Setien, che si è beccato l'ormai celebre (purtroppo per lui) 2-8 dal Bayern in Europa e ha regalato la Liga al Real di Zidane. Eppure le cose potevano cambiare, se non fosse arrivato un no, quello di Marcelo Gallardo.

BARCELLONA - El Muñeco, tecnico del River Plate ormai da parecchi anni, ha da poco confermato che allenerà i Millonarios anche nella prossima stagione. E dire che l'argentino è uno dei nomi caldi della panchina mondiale, considerando anche quanto bene ha fatto al Monumental. Il suo arrivo in Europa sembra dunque solo rimandato, ma poteva avvenire anche prima. OJogo riporta alcune dichiarazioni del procuratore Juan Berros, che spiega che in quel periodo turbolento i blaugrana avevano proprio pensato a Gallardo.. "Due anni fa, Marcelo ha rifiutato una proposta scritta fatta dal Barcellona. Ma rimanere al River o lasciare il club non dipendeva da possibili contratti altrove, è stata una decisione personale". Di certo anche dovuta alla clamorosa sconfitta in finale di Libertadores contro il Flamengo...

URUGUAY - Ora Gallardo si è preso una nuova soddisfazione, riportando il River a vincere il campionato, ma ritiene che il suo lavoro a Buenos Aires non sia ancora terminato. Al punto da dire recentemente no anche alla panchina di una nazionale, quella dell'Uruguay, in sostituzione del Maestro Tabarez. "Abbiamo avuto almeno tre volte contatti con la federazione uruguaiana. E nel primo ci avevano detto di aver deciso all'unanimità che Gallardo doveva essere il nuovo allenatore della nazionale. La mia risposta è stata che Marcelo aveva un contratto con il River Plate e che non intendeva prendere una decisione così importante in quel preciso momento". Dunque, un altro anno al River Plate e poi si vedrà. Del resto, al Muñeco le pretendenti non mancano mica...