Tutta colpa della VAR e…di un’ascella: tifoso del Norwich arrestato per aver tirato il cellulare in campo

Tutta colpa della VAR e…di un’ascella: tifoso del Norwich arrestato per aver tirato il cellulare in campo

La serie di fuorigioco millimetrici causati dalle spalle dei calciatori, quelli che in Inghilterra già definiscono “offside ascellari” ha colpito sia i Wolves che il Norwich, con conseguenze abbastanza inattese. E a Carrow Road a qualcuno un gol annullato è costato…l’arresto

di Redazione Il Posticipo

La VAR in Inghilterra non piace, questo ormai è un dato di fatto. Chi più, chi meno, praticamente tutti i tecnici delle squadre di Premier League hanno avuto modo e motivo di lamentarsi della tecnologia in campo, anzi, del suo utilizzo. A non aiutare le innovazioni dalle parti di Sua Maestà ci si mette anche il destino, che nel corso delle ultime giornate di campionato ha spesso e volentieri regalato casi limite. La serie di fuorigioco millimetrici causati dalle spalle dei calciatori, quelli che in Inghilterra già definiscono “offside ascellari”, ha colpito nell’ultima giornata sia i Wolves che il Norwich, con conseguenze abbastanza inattese.

FUORIGIOCO ASCELLARE – Basterebbe pensare che a Carrow Road a qualcuno un gol annullato è costato…l’arresto. Tutto nasce dalla rete non convalidata al bomber finlandese Pukki, una marcatura che avrebbe portato i padroni di casa del Norwich in vantaggio per 2-0 contro il Tottenham di Mourinho. Ma quando il pallone calciato dall’attaccante è finito alle spalle di Gazzaniga, è partita la review. Risultato, gol non buono, perchè Pukki era avanti rispetto all’ultimo difensore…di un’ascella. Quanto è bastato per far infuriare il pubblico e soprattutto un tifoso in particolare, che,  come riporta il Sun, dalla rabbia ha deciso di scagliare in campo la prima cosa che si è trovato sotto mano: il telefono cellulare.

TOLLERANZA ZERO – Il problema è che la sicurezza dell’impianto si è accorta del gesto di dissenso e a fine primo tempo ha messo in pratica le severissime norme antiviolenza previste da quelle parti. E quindi il tifoso è stato arrestato e ora gli sarà impedito per tre anni l’accesso allo stadio per ben tre anni. “Il Norwich”, si legge in un comunicato della società, “prosegue nella sua politica di tolleranza zero nei confronti di comportamenti inaccettabili o discriminatori”. Sarà, ma rispetto ai molti casi di razzismo, la frustrazione del tifoso in questione appare molto meno grave. Per fortuna, però, prima di finire nelle mani della sicurezza, ha ben pensato di lanciare il telefono. Chissà come avrebbe reagito se avesse letto sul display che alla fine quell’ascella…è costata la vittoria alla sua squadra, visto che il match è finito 2-2…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy