Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Tuchel: “Il City? Sappiamo che in una partita secca il gap è colmato”

LONDON, ENGLAND - APRIL 17: Thomas Tuchel, Manager of Chelsea celebrates following his team's victory in the Semi Final of the Emirates FA Cup match between Manchester City and Chelsea FC at Wembley Stadium on April 17, 2021 in London, England. Sporting stadiums around the UK remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors.  (Photo by Adam Davy - Pool/Getty Images)

L'involuzione delle ultime settimane non sposta più di tanto umori e percezioni del tecnico del Chelsea.

Redazione Il Posticipo

Tre sconfitte nelle ultime quattro partite per il Chelsea di Tuchel che dopo aver conquistato la finale di Champions si è vista sfuggire la Fa Cup e quasi la qualificazione diretta all'Europa che conta. All'inizio della settimana che porta alla finale di Champions,  il tecnico traccia un bilancio della stagione. E lascia ampio spaizo all'ottimismo in vista della sfida decisiva per il titolo di Campione d'Europa.

INVOLUZIONE -  L'involuzione delle ultime settimane non sposta più di tanto umori e percezioni di Tuchel. "Sono preoccupato come sempre quando si perde, ma ho analizzato dati e statistiche. Resta l'amarezza per il risultato ma la prestazione è comunque apprezzabile. Forse non siamo stati abbastanza fortunati, o più probabilmente la squadra non ha spinto abbastanza. Non ha senso comunque cercare ragioni su quanto ormai è accaduto. Siamo finiti fra i primi quattro ed è comunque un buon risultato. Anche se perdere resta qualcosa di odioso. Ed è una fortuna che continuiamo a provare questo tipo di amarezza. Adesso ci aspetta una nuova opportunità per vincere una Coppa. Arrivare a questo punto è stato un grande risultato ma non è abbastanza. Non vi sono più altre partite né obiettivi da raggiungere. Giochiamo solo per vincere la Coppa. Ed è quello che vogliamo".

APPROCCIO - Seconda finale con due squadre diverse. Cambia l'approccio e anche l'esperienza. E poi il Chelsea ha già battuto il City due volte. " Non c'è paragone con lo scorso anno Questa volta per arrivare in finale ho giocato solo sei partite. Il Manchester City è il punto di riferimento in Europa e in Inghilterra. Non so se sia un vantaggio averlo affrontato, ma siamo consapevoli di aver colmato il gap con il Man City in una partita secca. Noi siamo dei ragazzi che vogliono dar loro la caccia. Vogliamo sfidarli ed è quello che faremo per almeno 90 minuti in Portogallo. In una finale però può succedere di tutto e gli episodi, in questo contesto rappresentano un fattore enorme. Conterà anche saper gestire la pressione, i piccoli dettagli. Per noi sarà fondamentale adattarci a tutto quello che succederà".