Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Tuchel difende Lukaku e il Chelsea: “Non è il momento di farci prendere da dubbi e insicurezze”

Tuchel difende Lukaku e il Chelsea: “Non è il momento di farci prendere da dubbi e insicurezze” - immagine 1

Due Ko consecutivi per il Chelsea di Tuchel. Sconfitte dal sapore e dal dolore diverso con un unico comune denominatore.

Redazione Il Posticipo

Due Ko consecutivi per il Chelsea di Tuchel. Sconfitte dal sapore e dal dolore diverso con un unico comune denominatore. La difficoltà incontrata negli ultimi sedici metri e la improvvisa permeabilità difensiva. Tuchel, al netto della comprensibile delusione, non è preoccupato né del rendimento dei suoi attaccanti né della tenuta della retroguardia. Le sue parole in conferenza stampa sono riprese da Football London.

DUBBI - Lecito chiedersi se il Chelsea abbia abbassato l'asticella del rendimento o sia una contingenza legata ad aver affrontato due ottimi avversari: "A nessuno piace perdere, odiamo perdere. Abbiamo giocato contro due squadre molto differenti. Il City è pressing alto e possesso palla, la Juventus è difesa profonda e zero possesso palla. Sono state sfide intense, molto tirate. Spesso decidono gli episodi. In queste partite è che il risultato alla fine ti racconta la storia della partita. Contro il City il loro gol è arrivato su deviazione. Contro la Juve Romelu ha avuto l'occasione per pareggiare, quindi non credo dobbiamo iniziare a dubitare l'uno dell'altro. Mi fido dei miei calciatori e sono certo che anche loro siano consapevoli della loro forza".

Tuchel difende Lukaku e il Chelsea: “Non è il momento di farci prendere da dubbi e insicurezze” - immagine 1

LUKAKU - Lukaku attraversa le prime difficoltà. "Stiamo lavorando per limare quel 10% che ci manca per essere pienamente performanti. Abbiamo bisogno di trovare i gol di Romelu ma sono certo che parleremo di qualcosa di diverso se avesse concretizzato una occasione, contro la Juventus. Di solito in quelle situazioni trova il gol. Non credo, però, ci siano i presupposti per preoccuparsi. Siamo consapevoli della nostra forza. Non molto tempo fa abbiamo giocato partite molto, molto buone, come il secondo tempo con il Tottenham per esempio. Non è passato molto tempo, ma sembra che ne sia trascorso parecchio perché si gioca praticamente di continuo. Mi sembra di pagare un po' di aspettative ma questo è il momento in cui occorre, in primis, mantenere la calma e la serenità. I risultati arriveranno".