Troppo bravo…e troppo giovane: per Ansu Fati il premio come Man of the Match è vietato!

Nel primo match di Liga del nuovo corso del Barça, Koeman arriva un 4-0 al malcapitato Villarreal con doppietta del diciassettenne ad aprire le danze. Sarebbe abbastanza per regalargli il premio di Man of the Match. Peccato che a ricevere l’onore sia stato Jordi Alba. Ed è tutta colpa…della carta di identità!

di Redazione Il Posticipo

“Ansu Fati ha grandissime qualità. Poi è giovane e deve imparare molto, ma se ha già esordito con la prima squadra qualcosa vorrà pur dire, no?”. La sua avventura a Barcellona sarà anche iniziata con il piede sbagliato, tra polemiche e accuse, ma su una cosa Ronald Koeman non sembra per nulla essersi sbagliato: la fiducia nella giovanissima stella della cantera blaugrana. Nel primo match di Liga del nuovo corso del Barça, l’olandese schiera Griezmann prima punta e lascia Ansu Fati a far compagnia a Messi e Coutinho dietro il francese. Risultato, 4-0 al malcapitato Villarreal con doppietta del diciassettenne ad aprire le danze.

MINORENNE – Quello che in circostanze normali sarebbe abbastanza per regalargli il premio di Man of the Match. Peccato che, come spiega Give Me Sport, a ricevere questo onore è Jordi Alba. Ed è tutta colpa…della carta di identità! Ansu Fati è troppo giovane per vincere il premio, se non altro per questione di sponsor: a proclamare il miglior calciatore delle partite di Liga è una birra e quindi i testimonial, più o meno volontari, non possono certo essere minorenni. Dunque, per ricevere questa distinzione il classe 2002 dovrà almeno aspettare il 31 ottobre, quando compirà 18 anni. E l’Alaves, a cui il Barça farà visita il primo novembre, è già avvisato.

INIZIO – Intanto, Koeman segna decisamente un punto a suo favore, perchè uno dei motivi per l’accantonamento di Luis Suarez (che in ogni caso ha esordito con l’Atletico Madrid segnando una doppietta) è stato proprio voler contare di più su Ansu Fati e non sacrificare troppo Griezmann. Missione che nei primi 90 minuti sembra compiuta, con tanto di recupero (almeno al momento) di Coutinho, che in blaugrana finora è sempre stato una specie di oggetto misterioso. Questo inizio di stagione, comunque, è sempre più indimenticabile per il giovanissimo talento blaugrana. Prima della doppietta al Villarreal è arrivato anche il rinnovo di contratto, con clausola di rescissione a 400 milioni. Alta, altissima. Ma chissà che vedendolo giocare a qualcuno non venga in mente di fare una follia…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy