Tre milioni di dollari a partita e la Seleçao gioca ovunque…tranne che in Brasile

Tutti vogliono veder giocare la Seleçao e qualcuno è anche disposto a offrire cifre mostruose alla nazionale brasiliana per affrontare amichevoli lontano dal proprio paese. Risultato? L’ultima giocata in casa risale al gennaio 2017…

di Redazione Il Posticipo

La pubblicità è l’anima del commercio. Di questi tempi si chiama marketing, ma il senso è lo stesso. Più qualcosa è richiesto e conosciuto, più valore ha. Non è un caso che nel calcio ad attrarre folle oceaniche siano i grandissimi campioni, che affollano gli stadi per vedere Messi, Ronaldo o Mbappè. E poi c’è una squadra intera dal fascino così magnetico che può permettersi di giocare ovunque e garantire quasi sempre un sold-out. Non è infatti un caso che negli ultimi anni il Brasile, certamente la nazionale più conosciuta e sognata al mondo, abbia giocato amichevoli un po’ ovunque…e pochissime in casa.

TOURNÉE MONDIALE – Cosa porta infatti Uruguay e Brasile a giocarsi un match…a Londra? La necessità di far fare pochi chilometri ai calciatori che giocano oltreoceano? Macchè, ovviamente, il vil denaro. Come riporta il Daily Mail, l’amichevole con la Celeste è solamente uno dei tanti…assegni che la nazionale verdeoro si garantisce giocando amichevoli in giro per il globo. Una specie di tournée mondiale, che dal 2012 a oggi ha portato la Seleçao in 18 nazioni diverse, dall’Australia, alla Cina, fino al Sudafrica. Il tutto, per modiche cifre che possono arrivare a circa tre milioni di dollari a partita. Tale è il prezzo che gli organizzatori sono disposti a pagare per vedere Neymar e compagni giocare nel proprio paese. Un affare che riempie le tasche della nazionale brasiliana, ma non solo.

INCASSI – Si tratta di una spesa ben calcolata, come dimostrano gli incassi stratosferici dei match giocati in luoghi improbabili. Nel 2017 l’amichevole Brasile-Argentina giocata a Melbourne ha infatti attratto quasi centomila spettatori (per la precisione 95969). E il fatto che molti preferiscano campioni…esotici alla propria nazionale è dimostrato dall’amichevole successiva: per Brasile-Australia, che si è tenuta nello stesso impianto qualche giorno dopo, i presenti sono stati solo cinquantamila. E in Brasile? La Seleçao in casa…ci gioca davvero poco. Solo nove delle ultime 45 amichevoli sono state giocate negli stadi battenti bandiera verdeoro. E l’ultima è addirittura datata gennaio 2017, un match contro la Colombia allo Stadio Olimpico di Rio. E dei 46mila biglietti disponibili, ne sono stati venduti solo 18mila. senza neanche poter “vendere” il match, visto che si giocava in Brasile. A questo punto si spiega perchè la federazione spinga…per giocare in trasferta!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy