Tottenham, Vinicius alle visite mediche con… i saluti di Vertonghen: che livido sulla caviglia!

I tifosi del Tottenham contenti per l’acquisto una valida alternativa a Harry Kane. Carlos Vinicius, dal Portogallo, porta i saluti di Vertonghen ai medici del club. La firma è inconfondibile.

di Redazione Il Posticipo

I tifosi del Tottenham sono molto soddisfatti. Il club ha fatto una bella campagna acquisti. Sono arrivati i terzini  Doherty e Reguilòn e il centrocampista Højbjerg. È arrivato Gareth Bale ed  è stato inserito anche l’esperto Joe Hart. E, finalmente, il presidente Levy ha portato in squadra una valida alternativa a Harry Kane, Carlos Vinicius. La punta brasiliana arriva dal Benfica, squadra dove si è accasato l’ex Spurs Vertonghen.  Che in qualche modo ha spedito una cartolina ai suoi ex dottori…

SALUTI – La firma è inconfondibile, confermata dallo stesso Vinicius. E le prove sono lampanti. Il Tottenham twitta un video registrato durante le visite mediche dell’attaccante brasiliano. Interrogato dai medici, il ragazzo indica un livido sulla caviglia ai medici che lo stanno osservando. Svelando…il mittente: “Jan… Jan Vertonghen“. Il ragazzo non mastica ancora bene l’inglese e quello è il suo modo per dire che il livido è opera del belga. Beh, molto meglio del solito bigliettino per salutare dei vecchi amici.

LA RISPOSTA – Ovviamente, i londinesi pubblicano il video su Twitter taggando il loro ex difensore. Quasi per chiedere spiegazioni in merito. Ovviamente non c’è alcuna polemica, né risentimento. Vinicius sta benone. Il “cinguettio” è del tutto bonario. Anche perché è sufficiente osservare i volti dei medici: la reazione è molto più divertita che arrabbiata. Anzi, sembra addirittura che i medici sappiano riconoscere quel tipo di livido associandolo all’ autografo di Vertonghen. Il belga risponde sul social network con una emoji: la scimmietta che si copre gli occhi. Un po’ come a dire: “Non vedo, non sento, non parlo. Non voglio saperne nulla“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy