Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Tottenham rassegnato a perdere Kane, ma Levy non lo cede in Inghilterra

ZAGREB, CROATIA - MARCH 18: Harry Kane of Tottenham Hotspur looks dejected following defeat in the UEFA Europa League Round of 16 Second Leg match between Dinamo Zagreb and Tottenham Hotspur at Stadion Maksimir on March 18, 2021 in Zagreb, Croatia. Sporting stadiums around Europe remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Jurij Kodrun/Getty Images)

Il presidente degli Spurs non vuole che il suo gioiello possa trasferirsi in una delle due squadre di Manchester.

Redazione Il Posticipo

Il Tottenham si sta rassegnando all'idea di poter perdere Harry Kane al termine di questa stagione. Il centravanti, che per la prima volta da quando è al North London ha parlato della possibilità di un futuro altrove, potrebbe lasciare gli Spurs. E anche il presidente Levy inizia ad abituarsi all'idea.

PALETTI - Secondo quanto riportato da AS, però, l'addio non sarebbe accettato incondizionatamente. Oltre ai soldi, il club vuole anche decidere la destinazione. O perlomeno aprire una corsia preferenziale che porti il centravanti lontano dall'Inghilterra. Storicamente, negoziare con Daniel Levy, non è mai stato facile. E se Harry Kane finirà per decidere di lasciare la squadra della sua vita, potrebbe essere lo stesso a bussare a a offrirlo in Spagna, specificatamente al Real Madrid.  Questo è quanto emerge dalle informazioni n Inghilterra. Il The Athletic assicura che il presidente degli spurs non voglia neanche sentire o parlare del presunto interesse delle due squadre di Manchester. E che sarebbe più che disposto a lasciarlo andare in qualsiasi altro top campionato.

COMBATTUTO - Resta da capire cose ne pensi il diretto interessato. Il giocatore sta vivendo un periodo particolarmente delicato. Vorrebbe restare al Tottenham, ma la mancanza di competitività degli Spurs ad altissimi livelli e il rischio, sempre più concreto,  di non giocare nemmeno la prossima Champions League rischiano di rallentate l'evoluzione di una carriera che si avvicina all'apice senza neanche un trofeo. A 27 anni, Harry Kane continua ad amare il Tottenham. Da un punto di vista professionale, però, non vuole  restare con il dubbio e poi con il rimpianto di cosa sarebbe successo se avesse giocato in un vero grande d'Europa.

MADRID - L'operazione Madrid non è fra l'altro complicatissima. Come noto, il club non attraversa il periodo più fulgido della storia dal punto di vista economica. E deve iniziare a pensare di sostituire Benzema, che per quanto sia ancora decisivo, non è eterno. La priorità della Casa Blanca resta Mbappè, ma l'evoluzione dell'affare potrebbe... rimandare di un anno l'arrivo del fuoriclasse francese. E se il prezzo per Haaland diventasse insostenibile per le casse del Real, sicuramente le porte del Bernabeu potrebbero aprirsi.