Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Tottenham, Mourinho: “Non ho priorità, ma giocatori ultra affaticati”

Mourinho, nessuna scelta fra Premier e Champions. Lo special One, alla vigilia della sfida con il Burnley, ha spiegato le sue priorità. Fare risultato. 

Redazione Il Posticipo

Mourinho, nessuna priorità fra Premier e Champions. Lo special One, come riportato da Football London, ha parlato in conferenza stampa senza scegliere. Del resto, è più importante tornare a fare risultato. Dopo la sconfitta con il Lipsia e l'eliminazione in FA Cup, gli spurs appaiono giù di forma e di morale. Lo special One, alla vigilia della sfida con il Burnley, ha spiegato le sue priorità. Fare risultato.

PRIORITÀ - Gli spurs non sono in una posizione facile. Devono inseguire la Champions, e insieme giocarla. E in entrambi i casi il percorso è in salita.  "Siamo in una situazione in cui penso sia molto difficile stabilire delle priorità, ma la comunicazione con i giocatori è sempre la cosa più importante. Preferirei essere in un momento straordinario di risultati, ma sto imparando ad apprezzare le qualità umane dei miei giocatori, il modo in cui si pongono di  fronte a una situazione difficile. Vi sono ragazzi ultra-affaticati che mi dicono di essere pronto a dare tutto fino al mio ultimo grammo di energia. Quindi va bene così".

TURNOVER - Inevitabile attingere a piene mani nella rosa, che fra l'altro non è neanche molto profonda. Mourinho è consapevole delle difficoltà derivanti dalla pochezza di ricambi a disposizione. "Sappiamo che giocheremo contro una squadra che ha avuto una settimana per prepararsi alla partita. Ovviamente vogliamo vincere,  ma dobbiamo trovare un modo in cui per mettere i calciatoti nelle migliori condizioni possibili". Questo significa far riposare qualcuno. "Analizzando i dati, emerge che alcuni giocatori negli ultimi 120 minuti hanno percorso più di 15 km.  Penso che Lucas non abbia mai giocato così tanto in vita sua, né a Parigi né qui nel periodo di Mauricio".