Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Tottenham, Mourinho insoddisfatto: “Dobbiamo uccidere le partite”

Lo special One porta a casa il risultato contro il Norwich ma è insoddisfatto: la sua squadra gli appare incapace di chiudere le partite.

Redazione Il Posticipo

Una vittoria sofferta per Mourinho: il Tottenham porta a casa tre punti importantissimi in chiave Europa. Gli spurs iniziano a soffrire parecchio l'assenza di un uomo capace di concretizzare la mole di gioco prodotta. E comunque continuano a prendere gol. Il 2-1 contro il Norwich è figlio del carattere più della qualità. E ciò non soddisfa pienamente lo Special One. Le sue parole sono riportate da Football London.

KILLER INSTINCT - Il tecnico portoghese ha individuato il problema nella mancanza del Killer Instinct: la cattiveria negli ultimi sedici metri e la cronica incapacità di chiudere il match. "Quando giochiamo bene, dovremmo segnare più gol e uccidere le partite, perché quando l'avversario ritorna in gioco e crea sempre problemi per noi. Così rischiamo di perdere. Però è stato fantastico quello che è successo dopo l'1-1. In un momento difficile per noi in cui guardando in panchina e non trovato giocatori in attacco per cambiare il gioco la squadra ha trovato la forza di segnare".

KANE - L'assenza di Kane si fa sentire. "La squadra è un po 'affaticata, specialmente Lucas, Son e Lamela. Lo Celso  sta migliorando in ogni gioco. È stato fantastico in tutto. Si sta adattando bene, gioca in molte posizioni e garantisce visione di gioco e soluzioni.  Come possiamo cambiare il gioco? Con lo spirito di squadra, il carattere. È quello che hanno fatto dopo il goal. La squadra ha giocato in modo molto intelligente, nascondendo la palla, mantenendo il controllo del gioco  lontano dalla nostra area. Questa è una vittoria importante, meritata contro un'ottima squadra. Il Norwich, per il modo in cui giocano, meriterebbe che la sua stagione si chiudesse con un lieto fine".