calcio

Tottenham fuori dalla FA Cup, Conte si prende le critiche:”Esoneratelo! Come fa ad avere ancora una panchina?”

LONDON, ENGLAND - NOVEMBER 04: Antonio Conte, Manager of Tottenham Hotspur gives instructions during the UEFA Europa Conference League group G match between Tottenham Hotspur and Vitesse at Tottenham Hotspur Stadium on November 04, 2021 in London, England. (Photo by Julian Finney/Getty Images)

Nel match contro il Middlesbrough gli Spurs hanno perso ai tempi supplementari, dovendo così abbandonare il torneo. E tra i tifosi del Tottenham c'è chi comincia a pensare che sia già tempo di salutare il tecnico italiano.

Redazione Il Posticipo

Che Antonio Conte non sia un grandissimo fan delle competizioni a eliminazione diretta, lo dice il suo palmares. Basterebbe pensare che persino con la sua Juventus schiacciasassi, il tecnico non ha mai vinto la Coppa Italia e che la miglior prestazione in Europa delle sue squadre è la finale (persa) di Europa League con l'Inter, raggiunta però nella stagione del Covid e in un momento in cui...non c'era nient'altro da giocare. In realtà però l'allenatore del Tottenham aveva un'isola felice, la FA Cup: una vinta e una persa in finale ai tempi del Chelsea. Insomma, finora Conte non era mai uscito dalla competizione più antica del mondo senza almeno giocarsi l'ultimo atto. Ecco, appunto, finora...

ESONERO - Nel match contro il Middlesbrough, che milita in Championship, gli Spurs hanno infatti perso ai tempi supplementari, dovendo così abbandonare il torneo. Un'altra delusione per i tifosi, che già hanno visto il Tottenham salutare la Conference League, una competizione che per valori assoluti i londinesi potevano anche sperare di vincere. Di chi è la colpa? Complicato a dirsi. E sui social si scatenano tutte le categorie di supporter, da quelli che ce l'hanno con la squadra...dai tempi di Mourinho a chi invece comincia a pensare che sia già tempo di salutare il tecnico italiano. "Ve l'ho detto che Conte non durerà a lungo al Tottenham", spiega un tifoso particolarmente amareggiato. E non è l'unico. "Roba da licenziamento, mi chiedo come faccia ad avere ancora una panchina", spiega qualcuno. "Esoneratelo, è inutile", fa eco qualcun altro.

DIFESA - C'è anche però chi analizza la situazione da un altro punto di vista e spera che questa annata complicata non porti, come hanno predetto molti addetti ai lavori, a una rottura con il tecnico. "Conte ha ereditato una squadra senza i calciatori di cui ha bisogno per il suo modulo, dobbiamo mettere una pietra su questa stagione e sperare che si senta supportato e che resti qui, con o senza i nostri 'grandi' calciatori". Più facile a dirsi che a farsi, considerata la storia di Conte. Che già a inizio febbraio ha messo i puntini sulle "i" dopo un mercato che non gli è piaciuto molto e che potrebbe effettivamente salutare tutti e andarsene. Senza prima capire, come già avvenuto per i suoi predecessori, se il problema è la guida...o chi viene guidato.