Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Tottenham, dito puntato contro Kane: “Vola negli USA per vedere il golf e poi gioca con addosso il jet-lag…”

ZAGREB, CROATIA - MARCH 18: Harry Kane of Tottenham Hotspur looks dejected following defeat in the UEFA Europa League Round of 16 Second Leg match between Dinamo Zagreb and Tottenham Hotspur at Stadion Maksimir on March 18, 2021 in Zagreb, Croatia. Sporting stadiums around Europe remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Jurij Kodrun/Getty Images)

Il capitano della nazionale inglese e centravanti degli Spurs non ha certamente giocato la sua miglior partita, ma una prestazione opaca di tanto in tanto ci può anche stare. Il problema, come spiega il Sun, è che Kane pare essersela...cercata

Redazione Il Posticipo

Brusca frenata per il Tottenham di Antonio Conte nella lotta per il quarto posto in Premier League. Gli Spurs perdono in casa contro il Brighton un match che, se vinto, avrebbe proiettato i londinesi a quota 60, una distanza di sicurezza (perlomeno per la prossima giornata) dalle inseguitrici più vicine. E invece la squadra dell'ex tecnico di Juventus e Inter non solo non riesce a prendersi i tre punti, ma li lascia agli ospiti con una rete al novantesimo minuto. Normale dunque che Conte non l'abbia presa bene. Ma di chi è la colpa di un match abbastanza anonimo per il Tottenham? Molti puntano il dito su quella che è la stella indiscussa del club: Harry Kane.

MASTERS - Il capitano della nazionale inglese e centravanti degli Spurs non ha certamente giocato la sua miglior partita, ma una prestazione opaca di tanto in tanto ci può anche stare. Il problema è che Kane pare essersela...cercata. Come? Volando negli Stati Uniti nello scorso weekend per andare ad assistere all'ultima giornata del Masters di golf ad Augusta. Si parla di una settimana fa, ma l'ex centravanti dell'Aston Villa Gabby Agbonlahor, parlando a talkSPORT, spiega che l'effetto del viaggio da 10mila km sembra essersi sentito. "Lo sapete, io sono un grande fan di Kane, ma se vai negli USA dopo la partita contro l'Aston Villa per vedere il Masters e poi quando torni fai una prestazione simile... Bisogna farsi qualche domanda, perchè oggi l'attacco degli Spurs era spuntato, non hanno fatto un tiro in porta"

QUARTO POSTO - Colpa di Kane, dunque, tornato dal viaggio intercontinentale in condizioni non ottimali? Agbonlahor suggerisce questo. "Sono certo al 100% che la società gli abbia dato l'ok per andare, ma con il Brighton ha giocato come se avesse ancora addosso il jet-lag. Non era assolutamente l'Harry Kane che si vede di solito". E ne risente il Tottenham, che ha perso un'ottima occasione per mettere una seria ipoteca sul quarto posto. "Ogni volta che sembrano accumulare un po' di vantaggio su Arsenal e United, lo gettano via. Guardando alle prossime partite e ai risultati delle squadre in lotta, conviene fare attenzione, perchè tutti possono perdere ogni giornata". Per la poca gioia di Conte, che a mancare la Champions non vuole neanche pensarci...