Il Toto Berizzo batte il tumore, ma perde la panchina

Clamoroso a Siviglia. Esonerato il tecnico argentino, operato da neanche un mese per un tumore alla prostata. Una decisione destinata a far discutere…

di Redazione Il Posticipo

Chissà se a Siviglia conoscono bene le opere di Charles Dickens. Anzi, una in particolare. Canto di Natale, e non potrebbe essere altrimenti, visto il momento dell’anno. E anche vista la decisione presa sulla guida della squadra, roba che neanche Ebeneezer Scrooge, il protagonista della storia, avrebbe potuto immaginare. Esonerato Eduardo Berizzo, allenatore del Siviglia, a causa del cattivo andamento della squadra. Verrebbe da dire che non mangerà il panettone e che il calcio, anche davanti al Natale, non guarda in faccia a nessuno. Ma c’è un piccolo particolare, abbastanza importante. Il tecnico, anzi, l’ex tecnico degli andalusi è stato operato da neanche un mese per rimuovere un tumore alla prostata.

Out Berizzo, al suo posto Luis Enrique o Javi Garcia?

Oltre il danno la beffa, perchè il licenziamento arriva prima di Natale, quando la prossima partita del Siviglia ci sarà il giorno della Befana. Saranno giorni concitati al Sanchez Pizjuan, dato che spetterà alla dirigenza, ed in particolare al nuovo Direttore Sportivo Óscar Arias, che ha preso il posto di Monchi, trovare qualcuno disponibile a rispondere al telefono tra un pranzo ed un panettone e pronto a presentarsi a Siviglia il 28 dicembre, giorno in cui è prevista la ripresa degli allenamenti. Tra i papabili spunta il nome di Luis Enrique, che interromperebbe così il suo anno sabbatico, e quello di Javi Garcia. Chiunque dovesse arrivare, troverà una squadra un po’ in crisi e certamente sotto shock per la decisione presa dal club.

Un mese fa l’annuncio del tumore

Lo stesso shock che probabilmente i calciatori hanno avuto quando il Toto Berizzo, nell’intervallo della sfida di Champions League contro il Liverpool, ha annunciato ai suoi ragazzi che stava combattendo contro un tumore alla prostata e che probabilmente lo 0-3 subito nei primi quarantacinque minuti dal Siviglia in confronto era una situazione non semplice, ma di certo affrontabile più facilmente. Detto, fatto, perchè gli andalusi hanno poi pareggiato la partita, mettendo in campo una determinazione incredibile e combattendo, di fatto, per dare forza al proprio tecnico, oltre che per assicurarsi un posto agli ottavi in Champions League. Ottavi che però ora non vedranno protagonista Berizzo.

Una scelta sbagliata nei tempi?

Il ritorno in panchina dell’argentino ad appena tre settimane dall’intervento aveva rallegrato tutti, ma non aveva portato la scossa necessaria ad un Siviglia in piena crisi. E quindi dai piani alti è arrivato l’input di ignorare totalmente la levata di scudi abbastanza prevedibile che ora attende la società andalusa e di proseguire con l’esonero. A giudicare dai messaggi di affetto ricevuti dal Toto giusto un mese fa, si prevede uno sdegno pressochè unanime. Al Siviglia, d’altro canto, si possono rimproverare tempi e modi della scelta, ma non la decisione in sè. Del resto la squadra balbetta e il cambio di tecnico potrebbe migliorare le cose. Ma in ogni caso, la visita dei fantasmi del Natale passato, presente e futuro dalle parti del Sanchez Pizjuan, pare assicurata.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy