Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Toro, l’amarezza di Comi: “Noi penalizzati da arbitro e VAR. Siamo allibiti e delusi”

Il Toro risponde con orgoglio, sino al 90' era in semifinale, poi una invenzione di Calhanoglu ha portato il Milan ai supplementari. Il direttore generale Comi, però, sottolinea un arbitraggio che gli è apparso discutibile.

Redazione Il Posticipo

Il Toro risponde con orgoglio nella semifinale di Coppa Italia con il Milan. Esattamente come voleva Walter Mazzarri  che dopo la clamorosa sconfitta con l’Atalanta, ritrova la sua squadra. Un Torino coraggioso, quanto sfortunato. Sino al 90' era in semifinale, per uno straordinario doppio derby con la Juventus. Calhanoglu però ha fatto saltare il banco. Doppietta che spiana la strada al 4-2 di Ibra e che punisce la squadra granata capace di ribaltare con personalità e carattere l'1-0. Sembrava l'inizio di una nuova debacle, ma questa volta il Toro ha messo in campo cuore e attributi sfiorando l'impresa.

AMAREGGIATI - La direzione dell'arbitro Pasqua non è stata digerita. Nè in campo né in sala VAR.   Il direttore generale Comi non le ha mandate a dire nel dopo partita, come riportato dal sito toro.it : "Siamo stati penalizzati, specialmente nell'episodio riguardante Rebic. Siamo stati penalizzati da una decisione assurda dell’arbitro che al 36′ non vede una espulsione lampante". Il direttore usa un gioco di parole per chiarire la sua posizione. "Talmente inspiegabile che non me lo spiego. Oltre alle decisioni dell’arbitro c’è anche il VAR, che deve richiamarlo perché è un rosso netto. Siamo allibiti e delusi”.

PRESTAZIONE - Resta comunque la soddisfazione per una ottima prestazione. La squadra si è ricompattata e ha superato lo 0-7 maturato in casa con l'Atalanta. "Fino al 90′ eravamo in semifinale. Siamo contenti, La squadra ha reagito e ha dimostrato il suo valore. Venire a giocare a San Siro dopo la partita contro l’Atalanta non era facile e invece siamo riusciti a fare una grande prestazione”.