Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Torna Neymar, subito polemiche: “Avevamo paura di farci male, in un’amichevole non dovrebbe succedere. Ma gliene abbiamo date molte anche noi”

Torna il Paris Saint-Germain e tornano le polemiche. Firmate, neanche a dirlo, Neymar. Il secondo test dei parigini prima delle finali di coppa, quello con i belgi del  Waasland-Beveren, è andato bene ma...non troppo. Icardi ha sbagliato...

Redazione Il Posticipo

Torna il Paris Saint-Germain e tornano le polemiche. Firmate, neanche a dirlo, Neymar. I parigini, fermi dallo scoppio della pandemia a causa dell'interruzione definitiva della Ligue 1 (tra l'altro vinta), hanno cominciato il loro avvicinamento alle due finali delle coppe nazionali contro Saint-Etienne e Lione, ma soprattutto alla Final Eight della Champions League. L'occasione per la squadra di Tuchel è ghiotta, perchè azzeccando tre partite i francesi potrebbero finalmente ottenere quello per cui la dirigenza qatariota ha speso finora inutilmente oltre un miliardo di euro sul mercato. Il secondo test, con i belgi del  Waasland-Beveren, è andato bene ma...non troppo.

PAURA - Il PSG ha comodamente vinto per 7-0, con tanto di rigore di seconda tra Icardi e Neymar. Eppure sono proprio l'argentino e il brasiliano i protagonisti del lato negativo della serata. L'ex interista sbaglia due gol abbastanza facili, forse per un po' di comprensibile ruggine agonistica dopo mesi di stop forzato. Il brasiliano invece è timido, quasi come avesse paura di calcare di nuovo il terreno di gioco. E nell'intervista post-partita a BeINSports conferma che in effetti...è proprio così. Colpa di un gioco un po' troppo fisico da parte degli avversari, che ha fatto temere per l'incolumità dei parigini. "Sì, avevamo un po' paura di farci male. Era un'amichevole, quindi cose del genere non dovrebbero succedere".

PREPARAZIONE - Ma si sa, quando in campo c'è Neymar, le possibilità che voli qualche calcione salgono inspiegabilmente a livelli pazzeschi. Il brasiliano spiega che però non si è fatto troppo intimidire. "Siamo qui per prepararci, ma dobbiamo stare attenti. Comunque anche noi gliene abbiamo date parecchie, quindi nessun problema". L'importante, conclude O Ney, è arrivare pronti alle sfide che contano. "Sono felice di essere tornato a giocare al Parco dei Principi, con anche dei tifosi in tribuna. Ci stiamo preparando pian piano per arrivare al massimo quando ci sarà la fase finale di Champions League. Il resto conta poco". L'Atalanta è avvisata...