Torino-Roma all’ultimo respiro: corsi e ricorsi storici…

2014, 2016 e 2018: ogni due anni, quando la Roma incrocia il Torino, la sfida regala sempre grandi emozioni e “colpi” speciali…

di Redazione Il Posticipo

All’ultimo respiro. Ogni due anni, la sfida fra Roma e Torino, a prescindere da chi gioca in casa, lascia in eredità grandi emozioni ai tifosi giallorossi. La vittoria matura negli ultimi istanti di un match tiratissimo, sulla falsariga della storia recente. Corsi e ricorsi storici…

 

FLORENZI – Nel marzo del 2014 i giallorossi giocano una grande stagione e dopo un avvio straordinario è in piena corsa per un secondo posto che vale la Champions. La Roma va a caccia del secondo posto che significa accesso diretto all’Europa che conta. A marzo la fatica si fa sentire e il Torino è un avversario complicato. Immobile pareggia la rete di Destro ma al 47’ del secondo tempo Florenzi indovina il tiro di sinistro che permette alla Roma di conquistare tre punti pesantissimi per il ritorno in Champions.

 

TOTTI – Due anni dopo Roma-Torino rimane impressa nella memoria di tutti i tifosi romanisti. Giornata numero trentaquattro, turno infrasettimanale, per tenersi stretto il terzo posto serve una vittoria. Che sembra sfumata a pochi minuti dal termine con i granata in vantaggio 1-2. Spalletti decide di concedere i (soliti) pochi minuti a Totti acclamato dall’Olimpico. Il capitano giallorosso però a dispetto della manciata di giri di lancette a disposizione ribalta la partita. In 180 secondi Totti agguanta e poi supera il Toro. 3-2 e Olimpico che diventa una bolgia. Una doppietta che entra nella storia giallorossa.

DZEKO – 2014, 2016 e 2018. Non c’è due senza tre. E l’ultimo capitolo è la prima giornata di questo campionato. Una magia di Dzeko permette alla Roma di espugnare Torino e festeggiare i primi punti della stagione. Un gol che permette ai giallorossi di iniziare con il piede giusto e sorridere, anche se, ancora una volta, all’ultimo respiro.

 

 

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy