calcio

Toloi e un futuro che si tinge di azzurro: i sì e i no all’Italia fra tradimenti e… mondiali

Redazione Il Posticipo

 (Photo by Claudio Villa/Getty Images)

Va peggio ad un altro argentino, Pablo Daniel Osvaldo. L'attaccante arriva in Italia ad appena 19 anni e, complice la doppia nazionalità e la presenza di una folta concorrenza nell'Albiceleste, sceglie l'azzurro sin dai tempi dell'Under 21. Prandelli lo convoca per la prima volta nel 2011, ma la carriera con l'Italia di Osvaldo è simile a quella con le squadre di club: alti e bassi e meno soddisfazioni del previsto. Per lui solo 14 presenze (con 4 reti) e la delusione della mancata convocazione per il Mondiale 2014.

Potresti esserti perso