calcio

Toloi e un futuro che si tinge di azzurro: i sì e i no all’Italia fra tradimenti e… mondiali

Redazione Il Posticipo

 (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

Un colpo in grado di cambiare la storia recente della nazionale italiana. Paulo Dybala, al termine del 2014, ha ricevuto una chiamata da parte di Conte, pronto a portarlo in Azzurro. La risposta del giovane argentino, però, è stata tanto chiara quanto onesta, a differenza di Vazquez, al tempo suo compagno di squadra al Palermo: "Non potrei difendere i colori di un altro Paese come se fossero i miei. Preferisco aspettare la chiamata dell'Argentina". Missione compiuta.

Potresti esserti perso