Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Todt: “Passo più tempo che posso con Michael. Hamilton? Può superarlo perché…”

L'ex dirigente del periodo d'oro della Ferrari  guidata dal "Kaiser", ha parlato del rapporto che lo lega al pilota tedesco. E speso elogi anche per Hamilton. 

Redazione Il Posticipo

Jean Todt , attuale presidente della FIA e grande amico di Michael Schumacher ha concesso una intervista al canale ungherese HRT riportata dal Mundo Deportivo. L'ex dirigente del periodo d'oro della Ferrari  guidata dal "Kaiser", ha parlato del rapporto che lo lega al pilota tedesco. E speso elogi anche per Hamilton.

SCHUMI - Il rapporto che lega il dirigente e l'ex pilota Ferrari è ancora molto saldo, nonché nascosto dietro il più stretto riserbo. Sia sulla frequenza delle visite che sullo stato di salute del tedesco. "Ci vediamo ancora. Ovviamente, resta tutto nell'ambito della privacy. Voglio molto bene a Michael, adoro anche  la sua famiglia e trascorro più tempo che posso in loro compagnia".

HAMILTON - Questa stagione può essere importantissima per Hamilton. Un nuovo mondiale lo consegnerebbe alla storia. Nel mirino c'è proprio Schumacher. Todt non esclude la possibilità del sorpasso. "Può succedere. Lewis Hamilton è un grande pilota, ha molto talento ed ha una grande passione per la Formula 1. Fra l'altro è alla guida della macchina migliore ed ha anche la squadra più forte di tutti. Insomma ci sono gli ingredienti che lo possono portare chiaramente a  superare il record di Michael".

FERRARI - Spazio ovviamente anche a qualche pensiero sulla Ferrari anche se Todt preferisce non sbilanciarsi troppo. "Nella mia posizione, non sarebbe appropriato giudicare ciò che deve essere fatto. Chiaramente, la Ferrari è una grande squadra, ha un grande supporto in tutto il mondo. Ti aspetti sempre molto dal team e la pressione è grande. In questo momento, per loro, è difficile essere competitivi. Stanno andando abbastanza bene, ma forse non abbastanza in questo momento per vincere dei Gran Premi o un Campionato del Mondo. Posso solo sperare che i responsabili analizzino tutto e trovino i mezzi per avere di nuovo una macchina e un pilota vincenti ”