Thuram: “Quando la Francia vince, è più facile parlare di immigrazione”

Lilian Thuram, campione del mondo nel 1998, torna a parlare di immigrazione e razzismo e vede nella vittoria del mondiale in Russia il primo passo per combattere una battaglia che va avanti da troppo tempo.

di Redazione Il Posticipo

Troppo spesso il mondo del calcio viene messo sotto una luce negativa. Le ultime notizie, inevitabilmente, non possono che riportare aspetti del gioco che nessun vorrebbe mai veder finire sui quotidiani sportivi. C’è, però, un altro aspetto, meno sponsorizzato, ugualmente importante. Il calcio, quello vero, lontano dal mondo della violenza, è uno sport che unisce. A ribadirlo questa volta è Lilian Thuram, campione del mondo nel 1998.

MONDIALE – “La vittoria della Francia al mondiale è stata molto utile per combattere il razzismo, è un qualcosa che va a favore dell’immigrazione”. Parole dell’ex difensore della Juventus, che vede il calcio come uno strumento per combattere temi importanti come quello dell’immigrazione o del razzismo. “Attraverso il calcio, le persone vedono come è composta la nazionale e possono accorgersi che molti dei migliori giocatori sono nati in condizioni di povertà, provenienti proprio da famiglie di migranti”.

RAZZISMO – Il calcio, però, non basta. Lo sport può semplificare ed avvicinare, ma per trovare la soluzione al problema, bisogna uscire dall’ambito sportivo e fare un passo in più: “Quando la Francia vince, i discorsi sull’immigrazione sono più semplici. Questo però non cambia tutta la situazione, e non significa che i problemi non esistano più”. La vittoria del mondiale, però, può rappresentare il primo passo per continuare a combattere la battaglia più difficile: “Vincere la coppa del mondo è stato importante, ma il calcio da solo non può eliminare il razzismo”. Ma di certo, come accaduto con la nazionale multietnica che ha vinto il mondiale casalingo nel 1998, aprire le coscienze e far vedere che con l’aiuto di tutti, citando la battuta di Trump a Macron, è stato possibile…rendere di nuovo grande la Francia sui campi da calcio.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy