Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Marcus Thuram si ispira a Ronaldo il Fenomeno “Mio padre ne era terrorizzato”

Marcus Thuram si ispira a Ronaldo il Fenomeno “Mio padre ne era terrorizzato” - immagine 1
Una passione legata ai ricordi d'infanzia "italiani".

Redazione Il Posticipo

Marcus Thruam, come tutti i figli d'arte, non ha un compito facile. Deve affrancarsi anche dal suo cognome pesante. Giocare in un ruolo diverso aiuta, ma anche il ragazzo ci sta mettendo del suo suscitando per qualche tempo l'interesse dell'Inter. Fra l'altro, la squadra nerazzurra è stato uno dei primi ricordi che lo hanno legato all'Italia. Il giocatore, qualche tempo fa, ha rilasciato una intervista a France Football da cui è scaturito un aneddoto piuttosto divertente... legato a papà Lilian.

IDOLO -  Thuram junior ammira il padre, ma gioca in un ruolo diverso. Attaccante. Dunque, si ispira a Ronaldo. Non a CR7, ma al Fenomeno. Tutta "colpa" delle paure di  suo padre Lilian. "Quando ero molto giovane, il mio idolo era Ronaldo, il brasiliano. Ho sentito  spesso mamma e papà  parlare di lui. Quando giocava contro Ronaldo era terrorizzato. E questo lo motivava moltissimo. Ho un piccolo aneddoto su questo. Da bambino, ho sempre avuto una coperta. Non volevo lasciarla. Quando mia madre mi disse che l'avremmo data a Ronaldo, l'ho lasciata".

Marcus Thuram si ispira a Ronaldo il Fenomeno “Mio padre ne era terrorizzato”- immagine 2

EVOLUZIONE - Il ragazzo, del resto, impara in fretta. Cosi come si è abituato in fretta alla Bundesliga, potrebbe essere adatto al campionato italiano. In Germania ha lasciato andare via il barocchismo. Pochi fronzoli, si va dritti al sodo. Ovvero, in area di rigore a caccia di palloni da spingere in rete.  Una maturazione importante per chi, come lui, amava saltare l'uomo ancor più di andare in gol. "Prima non passavo molto il pallone, Volevo saltare l'uomo, adoravo cercare il dribbling, ma poi sono cambiato. Ho trovato piacere in altre cose, nell'ultimo passaggio,  e nel gol. Il dribbling m piace ancora, ma è un qualcosa fine a se stessa. Sono cresciuto".