Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Thiago Motta: “Serve umiltà contro l’Atalanta, è al livello di PSG e United. Gasperini? Merita quel che ha”

CAGLIARI, ITALY - AUGUST 23: Thiago Motta of Spezia reacts during the Serie A match between Cagliari Calcio v Spezia Calcio at Sardegna Arena on August 23, 2021 in Cagliari, Italy. (Photo by Enrico Locci/Getty Images)

Il tecnico spezzino, in conferenza stampa, approccia alla sfida con serenità. 

Redazione Il Posticipo

Chiusa la parentesi degli impegni internazionali lo Spezia, rinvigorito dai tre punti conquistati con il Torino prima della sosta, si rituffa in atmosfera campionato. Avversario di turno, l'Atalanta, non esattamente la rivale ideale per trovare continuità di rendimento in termini di punti. Il tecnico spezzino, in conferenza stampa, approccia alla sfida con serenità.

SOSTA - La pausa ha spezzato il ritmo e l'inerzia ma ha anche permesso di recuperare qualche elemento: "Il bilancio è positivo. Chi era in nazionale è tornato in forma perché ha giocato, gli altri hanno recuperato energie. Veniamo da una vittoria e i tre punti aiutano sempre a lavorare meglio, anche perché adesso siamo attesi da una serie di partite da affrontare con impegno e umiltà. L'Atalanta ormai appartiene al novero delle grandissime squadre, ha giocato alla pari con PSG e United. Noi li affronteremo con rispetto cercando di dare il massimo. E vedremo cosa dirà il campo. L'Atalanta rispetta il carattere del suo allenatore. Gasperini ha la stessa determinazione di quando ha iniziato in panchina, forse anche di più. Mi pare evidente che riesca a trasmettere la sua mentalità. Lo conosco bene, l'ho anche avuto come allenatore, si merita tutto quello che ha".

CAGLIARI, ITALY - AUGUST 23: Thiago Motta of Spezia reacts during the Serie A match between Cagliari Calcio v Spezia Calcio at Sardegna Arena on August 23, 2021 in Cagliari, Italy. (Photo by Enrico Locci/Getty Images)

RISULTATI - Lo Spezia contro una delle squadre che esprime il miglior calcio. Anche i liguri hanno spesso messo in buona una buona proposta di gioco, ma non sempre sono arrivati dei punti. In compenso, Motta ha trovato un suo equilibrio con il centrocampo a tre. "In alcune partite abbiamo dominato, ma non concretizzato abbastanza per vincere. Evidentemente ci è mancato qualcosa. In generale, è necessaria una maggiore cattiveria negli ultimi sedici metri. A volte capita di produrre gioco ma non di arrivare nel modo giusto in area di rigore. Nel mio modo di intendere il calcio, da ex centrocampista, mi piace che la squadra sia sempre equilibrata e che tutti gli interpreti siano in grado di costruire gioco ma anche di saper lavorare senza palla".