Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Thiago Motta: “Orgoglioso del gruppo. Il PSG? L’unica chiamata che mi interessa è quella delle mie figlie”

Thiago Motta: “Orgoglioso del gruppo. Il PSG? L’unica chiamata che mi interessa è quella delle mie figlie” - immagine 1

Spezia, una sconfitta che non macchia una stagione straordinaria,

Redazione Il Posticipo

Lo Spezia chiude il campionato con una sconfitta. Liguri apparsi scarichi dopo l'impresa di Udine. Il Napoli passa con una certa facilità al Picco. Sconfitta che comunque non macchia una stagione straordinaria. Thiago Motta la analizza ai microfoni di DAZN.

KO - Il Napoli è stato cinico, lo Spezia poco incisivo. Ko comunque  indolore. Cambia poco, la stagione è e resta di altissimo spessore. 36 punti, salvezza, specialmente nel girone di ritorno, mai in discussione e tanti prospetti lanciati ad alti livelli. E un rapporto fantastico con i calciatori. "La sfida di oggi per come è finita dà ancora maggiore valore alla nostra impresa. I complimenti fanno piacere, è un onore aver allenato questo gruppo, il traguardo raggiunto è assolutamente meritato. Ci davano per retrocessi, anche perché il mercato era bloccato. Tutto è stato uno stimolo in più, la forza di questi ragazzi è stata quella di restare uniti anche nei momenti difficili nonostante ci fosse un gruppo numeroso. Sono stati tutti bravi a capire il momento. Non è facile né scontato".

Thiago Motta: “Orgoglioso del gruppo. Il PSG? L’unica chiamata che mi interessa è quella delle mie figlie” - immagine 1

PROSPETTIVE - Da Napoli a Napoli. Thiago Motta ha rischiato di essere esonerato prima della trasferta al Maradona. Poi dalla clamorosa vittoria in riva al Golfo ha trovato lo slancio per centrare la salvezza. E adesso, ancora una volta, Napoli può essere uno snodo fondamentale per il futuro. Un trampolino di lancio. Si parla addirittura di PSG. Motta svicola. "Sono soddisfatto del risultato ottenuto con lo Spezia. Alla fine di questa stagione è normale che circolino delle voci ma l'unica chiamata che mi interessa è quella delle mie bambine. Poi ci prendiamo del tempo per parlare, ma questo è il momento di pensare alla mia famiglia e alle mie figlie che oggi festeggiano 10 anni. Non le vedo da due mesi. In questo momento mi interessa solo riabbracciarle. Non guarderò neanche le partite nel pomeriggio, ho una festa con i miei ragazzi. Mi aggiornerò comunque sui risultati".