Thiago Motta, Mbappé e Neymar non bastano? “Il Psg non ha saputo sostituire Ibrahimovic…e me!”

Thiago Motta, Mbappé e Neymar non bastano? “Il Psg non ha saputo sostituire Ibrahimovic…e me!”

Il tecnico della Primavera del club parigino non le manda a dire al suo datore di lavoro. L’ex centrocampista critica le scelte fatte dalla società sul mercato, compresa l’incapacità di trovare un sostituito dello svedese.. alla faccia dei fenomeni che ci sono già in squadra?

di Redazione Il Posticipo

Che sia uno con un grande carattere è fuori discussione. Thiago Motta ha signoreggiato sui campi di mezza Europa per vent’anni, ha conquistato il Triplete con l’Inter e ha preso per mano il Psg dagli albori della presidenza del qatariota Nasser Al-Khelaïfi. Chi meglio dell’ex centrocampista può giudicare l’operato della dirigenza francese e i progressi fatti fin qui? A questo proposito Thiago Motta sembra piuttosto sfiduciato… ma ha un sogno per il futuro!

IBRA – Per il terzo anno di fila il Psg è uscito agli ottavi di finale di Champions e dal 2011-12 ad oggi il club parigino non è mai andato oltre i quarti. L’ex centrocampista ha analizzato l’operato del club ai microfoni di RMC… senza esclusione di colpi! Thiago Motta ha criticato l’incapacità del Psg di trovare un sostituto di Zlatan Ibrahimovic che ha lasciato il Parco dei Principi per il Manchester United alla fine della stagione 2015-16: una partenza che ha indebolito la squadra finita alle spalle del Monaco in Ligue 1 nella stagione successiva. “Con Unai Emery è sorto un problema che ho potuto vedere. Abbiamo lasciato andare via Ibra, che segnava 50 gol a stagione, e non lo abbiamo sostituito con un giocatore in grado di farne altrettanti”.

SE STESSO – Ma la critica fatta al club da Thiago Motta vale anche per… se stesso! Il centrocampista ha lasciato il calcio la scorsa estate diventando l’allenatore della Primavera del club parigino. Secondo il diretto interessato, la società avrebbe pagato l’incapacità di sostituirlo: “Era qualcosa su cui dovevi riflettere e pianificare in anticipo. Il club sapeva che stavo per andare in pensione. Il Psg doveva essere organizzato sia che si trattasse della mia partenza o di quella di qualsiasi altro giocatore. Bisogna sapersi proiettare nel futuro del club”. Sarà Thiago Motta a farlo?

DOPO TUCHEL – L’ex centrocampista non nasconde il desiderio di sostituire un giorno Thomas Tuchel sulla panchina della prima squadra: “Il mio obiettivo è quello di allenare i più grandi club del mondo. Psg? Vedremo quando verrà il momento, intanto Tuchel ha il mio pieno supporto… Oggi il 99% degli allenatori vorrebbe allenare il Psg e il restante 1% è lui, che è già lì. Io sto lavorando per sostituirlo non appena lascerà il club”. Thiago Motta pensa che la sua esperienza possa fare la differenza: “Ho giocato per il Psg, so come funziona lo spogliatoio e conosco le ambizioni della società… È qualcosa di molto positivo per me e per loro”. Intanto il club ha rinnovato il contratto Tuchel fino al 2021: Thiago Motta ce la farà ad aspettare?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy