Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Terry rivela la squadra…più odiata da Mourinho: “Non riusciva neanche a dire il loro nome, li chiamava ‘questi qua’”

Il Liverpool, soprattutto quando era guidato da Benitez, era la bestia nera di Mou. Che ha sempre voluto battere tutti, ma quando si trovava davanti i Reds...non ci vedeva più dalla voglia di vincere. A raccontarlo è il suo ex difensore John...

Redazione Il Posticipo

Che Josè Mourinho non sia simpatico a tutti, è decisamente un dato di fatto. Il tecnico del Tottenham è fatto così, o lo si ama o lo si odia, sportivamente parlando. E trovarselo contro non è mai stato un piacere. Tranne per qualcuno, che nei primi tempi dello Special One in Inghilterra è sempre riuscito a mandare di traverso le partite al Chelsea. Il Liverpool, soprattutto quando era guidato da Benitez, era la bestia nera di Mou. Che ha sempre voluto battere tutti, ma quando si trovava davanti i Reds...non ci vedeva più dalla voglia di vincere. A raccontarlo è il suo ex difensore John Terry, in una chiacchierata su Sky Sports con l'ex Liverpool Jamie Carragher.

MIGLIORI - Il vecchio capitano dei Reds ha punzecchiato Terry, sottolineando quanto, nonostante il Liverpool non fosse esattamente nel suo momento migliore, per il Chelsea i match contro Gerrard e compagni fossero complicati... "Mi sono sempre chiesto se l'animosità venisse da un certo senso di frustrazione, perchè in quel periodo voi eravate sempre molto meglio di noi. Non credo che siamo mai stati alla pari sul campo, noi lo sapevamo e voi lo sapevate. Ma il fatto che riuscissimo sempre a fare risultato contro di voi, o almeno quando c'era Josè, vi faceva arrabbiare".

'QUESTI QUA' - Terry conferma e spiega che nessuno come Mou prendeva seriamente le partite contro il Liverpool. "Sia lui che Benitez hanno reso la questione più grande di quanto fosse. Mi ricordo del discorso che ha fatto Mourinho dopo che abbiamo vinto il campionato per la prima volta. Eravamo credo 20 o 30 punti avanti a voi e lui continuava a dire 'non potete perdere contro questi qua'. Non riusciva neanche a dire il nome 'Liverpool', diceva 'non perdete contro questi qua, noi siamo molto meglio di questi qua'. Me lo ricordo ancora oggi".

ANFIELD - L'occasione è speciale. Chelsea e Liverpool si giocano la semifinale di Champions, pochi giorni dopo il primo titolo dell'era Mourinho. Ma alla fine, per la disperazione del portoghese, è la squadra di Benitez a passare il turno e a vincere la coppa nella finalissima di Istanbul. Tutto merito...di Anfield.  "Voi riuscivate sempre a sistemare le cose nella partita in casa vostra. Per noi venire a giocare ad Anfield era complicato, ho sempre detto che è lo stadio con la miglior atmosfera che puoi vivere da calciatore". E infatti, 0-0 a Londra e 1-0 a Liverpool. Ma non ricordatelo a Mourinho...