Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Tebas punta il dito contro Laporta: “L’addio di Messi non è stato per motivi economici, lo so per certo!”

(Photo by Gualter Fatia/Getty Images)

Leo Messi ha ormai lasciato la Liga da qualche tempo, ma il suo addio al Barcellona continua a far discutere. E stavolta prende la parola Tebas, numero uno della Liga. Che spiega che forse la partenza della Pulce era evitabile...

Redazione Il Posticipo

Leo Messi ha ormai lasciato la Liga da qualche tempo, ma il suo addio al Barcellona continua a far discutere. E stavolta prende la parola uno dei...cattivi della questione. Javier Tebas, numero uno del campionato spagnolo, è stato additato dal Barça come una delle cause scatenanti del domino che ha portato alla partenza della Pulce. Sua l'idea che i club non potessero spendere più del dovuto per il tetto ingaggi ed ecco qui che i catalani non potevano permettersi di rinnovare il contratto del loro ormai ex numero 10 senza sforare i parametri della Liga. Ma a passare per guastafeste, Tebas non ci sta. E in un'intervista a Sport lancia anche qualche velato sospetto su Laporta...

IL MIGLIORE  - Inutile nasconderlo, il fatto che dopo vent'anni Messi non giochi più nel campionato spagnolo è un brutto colpo, sotto parecchi punti di vista. Questo, Tebas non può certo negarlo... "È come quando se ne sono andati Cristiano Ronaldo, Pep Guardiola o Jose Mourinho. Sapevamo che prima o poi sarebbe successo. Abbiamo avuto la grandissima fortuna di avere i due migliori calciatori al mondo nelle due squadre migliori al mondo e grazie a questo la Liga è stata in grado di prendersi qualche vantaggio e di finire sempre sotto gli occhi di tutto il mondo. Forse l'addio di Messi è un po' più doloroso, perchè personalmente ritengo sia il migliore di tutti i tempi e non meritava di andarsene in questa maniera. E non vale solo per il Barça, ma anche per la Liga stessa".

 MADRID, SPAIN - JUNE 03: Javier Tebas, president of La Liga de Futbol profesional (President of the Spanish Professional Football league) poses for a portrait at Wanda Metropolitano Stadium on June 03, 2019 in Madrid, Spain. (Photo by Carlos Alvarez/Getty Images)

RAGIONI ECONOMICHE - Ma si poteva fare di più? Tebas spiega che nei caldissimi giorni del rinnovo poi diventato addio, ha parlato spesso con il Barcellona. E che se il problema era strettamente legato ai conti del club, qualche soluzione era stata messa in campo. Dunque, il numero uno della Liga lancia qualche sospetto. "Ho discusso la questione personalmente con Laporta e con la dirigenza. Si erano trovate soluzioni, se il problema era squisitamente economico. Se poi tutto è successo per altri motivi, non posso fare altre valutazioni. Credo che nella prossima stagione, quando il Barcellona renderà pubblico il bilancio, capiremo se Messi poteva davvero restare o no. E nonostante io rispetti la decisione del club, bisogna dire le cose come stanno. E non è stata una scelta legata al fattore economico, questo lo so con certezza". E al Camp Nou potrebbe scoppiare una nuova polemica...