Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Tebas è sereno: “La Liga è finanziariamente pronta a un addio di Messi. Anche quando se ne è andato Ronaldo l’impatto è stato minimo”

(Photo by Denis Doyle/Getty Images)

Finalmente il Barcellona ha un nuovo presidente e si può affrontare il caso più complesso del calcio mondiale; il rinnovo di Leo Messi con i blaugrana. C'è comunque chi non si preoccupa molto. Javier Tebas, numero uno della Liga, spiega che il...

Redazione Il Posticipo

Finalmente il Barcellona ha un nuovo presidente e si può affrontare il caso più complesso del calcio mondiale; il rinnovo di Leo Messi con i blaugrana. In teoria, la Pulce poteva già firmare con qualcuno da un po', ma per rispetto nei confronti del club catalano ha accettato di attendere di sapere chi sarebbe stato il successore di Bartomeu, per capire cosa il nuovo Barça abbia in serbo per lui. La vittoria di Laporta, da questo punto di vista, potrebbe risolvere tutto. Il nuovo numero uno conosce molto bene l'argentino e ha già spiegato che solo con la sua elezione i soci avrebbero avuto la certezza che Messi sarebbe rimasto al Camp Nou. E se invece anche questo non dovesse bastare? C'è comunque chi non si preoccupa molto. Javier Tebas, numero uno della Liga, parla al canale egiziano ONsport e spiega che il campionato è pronto all'addio della Pulce.

ADDII - Del resto, non ci si può aspettare che tutti decidano sempre di rimanere a giocare nel campionato spagnolo. E se la Liga è sopravvissuta ad altre separazioni dolorose dal punto di vista tecnico, riuscirà a farcela anche senza il sei volte Pallone d'Oro. "La scorsa estate Messi non poteva lasciare il Barcellona per una clausola nel suo contratto, ma come ho già detto riguardo a Cristiano Ronaldo, la Liga è finanziariamente pronta per questo momento. L'addio di Cristiano Ronaldo al Real Madrid è stato una scelta presa dal club, quindi non ho il diritto di dire nulla al riguardo, ma preferirei sempre che i migliori calciatori al mondo giocassero qui, la stessa cosa valeva per Neymar prima. Cristiano era il miglior marcatore della Liga e il suo addio ha avuto delle conseguenze sul nostro campionato, ma l'impatto finanziario è stato minimo, perchè eravamo ben preparati a quel momento".

 (Photo by Gualter Fatia/Getty Images)

IMPATTO - Quello a cui si era meno preparati forse era una pandemia. Ma le misure di emergenza hanno aiutato a limitare i danni. "Non immaginavamo che saremmo stati così tanto tempo senza tifosi allo stadio. Ma se continuiamo a vedere decrescere i numeri del Covid-19, magari i tifosi potranno tornare presto sugli spalti. Le perdite finanziarie della Liga hanno raggiunto i due miliardi di euro, ma siamo riusciti a farle scendere a 1,1 miliardi tagliando alcune spese". Per il resto, si torna da capo: inizia la nuova era Laporta e chissà che conseguenze avrà. "Finalmente il Barcellona ha un presidente dopo tutto il caso degli ultimi mesi. Dobbiamo soltanto aspettare e vedere cosa combinerà". Se riuscisse a tenere Messi, però, Tebas sarebbe più contento...