calcio

Tebas aspetta Piqué: “Triste per il suo addio, ma sono sicuro che tornerà da presidente al Barça”

L’addio di Piqué non ha lasciato indifferente il mondo del calcio. E anche il presidente della Liga, Javier Tebas si è dimostrato  molto affettuoso con il difensore centrale del Barcellona. Le parole del dirigente sono riprese da El...

Redazione Il Posticipo

L'addio di Piqué non ha lasciato indifferente il mondo del calcio. E anche il presidente della Liga, Javier Tebas si è dimostrato  molto affettuoso con il difensore centrale del Barcellona. Le parole del dirigente sono riprese da El Partidazo de Cope.

STORICO

—  

Tebas ha espresso tutta la sia ammirazione per il calciatore. "Piqué è un calciatore che ha scritto la storia del calcio spagnolo e la sua decisione mi lascia in eredità un pizzico di tristezza. In ogni caso se è convinto e contento della sua decisione è giusto che vada avanti. Non ho ancora pensato all'idea d un riconoscimento o un tributo ma sicuramente la Liga in questo senso farà qualcosa. Piqué è un calciatore che merita senza dubbio un omaggio anche per il suo impegno come imprenditore sportivo e occorrerà prendersi il tempo necessario per pensare a ciò che sia più giusto".

Tebas aspetta Piqué: “Triste per il suo addio, ma sono sicuro che tornerà da presidente al Barça”- immagine 1

ADDIO

—  

Resta da capire se l'addio sia stato deciso o spinto. Tebas ha la sua idea al riguardo. "Sono convinto che lasci perché non essendo più al top della forma gli venga difficile giocare ai livelli che lo hanno sempre contraddistinto. E sono altrettanto certo che il suo addio sia solo un arrivederci. Non ho dubbi che dietro quel "tornerò" ci sia l'obiettivo di essere presidente del Barcellona. Sono convinto, nonché speranzoso che Piqué sarà presidente del Barcellona. Ci sono anche pochi dubbi al riguardo per diversi motivi. In primis, è nel club da 25 anni e conosce perfettamente l'ambiente. E poi non è stato solo un calciatore, ma uno sportivo che conosce il calcio anche come gestore. Ha profonde conoscenze manageriali e si è già misurato con successo nell'industria sportiva. Sono sicuro che può essere un grande presidente per il Barcellona. Nel frattempo gli offrirò di essere un ambasciatore della Liga, mi piacerebbe molto che lo fosse".