Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Tebas: “Al Var posso dare un 7. Lautaro per 80 milioni al Barça? Mah. Il vero calcio tornerà quando ci sarà il vaccino”

Il presidente della Liga analizza il presente e il futuro del calcio spagnolo.

Redazione Il Posticipo

Il presidente della Liga, Javier Tebas analizza il presente e il futuro del calcio spagnolo, soprattutto economicamente, dopo la crisi del coronavirus. Le sue parole sono riportate da AS.

MERCATO - Tebas ritiene che si sarà una drastica riduzione delle operazioni di mercato. Si procederà soprattutto per scambi. " Se nella stagione precedente sono girati 3.200 milioni di euro per i trasferimenti nel mercato dei cinque grandi campionati, credo che in questa occasione non supereremo i 700. Quando sento 80 milioni per Lautaro, dico mah. Si parla molto sui giornali ma il  calcio tornerà a quello che è stato quando si troverà un vaccino. Ci vorrà, quindi, forse un altro anno. Entro tre stagioni, forse anche un po 'meno, torneremo alla situazione in cui ci trovavamo, a condizione che si possa anche tornare a frequentare gli stadi con serenità. Se avessimo sospeso il campionato come in Francia, avremmo perso 1.000 milioni. Il nostro margine di profitto è molto elevato ma gran parte va ai giocatori o per ristrutturare gli stadi".

TIFOSI - Tebas è sempre stato a sostegno del ritorno dei tifosi ma ultimamente ha allentato la presa. "Dipende dalle comunità. Non una mia ossessione. Il ritorno sarà piuttosto complicato. E al massimo potremo concedere il 30% dello stadio. Sarà anche fastidioso perché se non si arriva entro cinque minuti entro l'orario per cui si è prenotati si perderà la priorità. Allo stadio si dovrà indossare la mascherina, non sarà possibile neanche consumare qualcosa al bar. E persino andare in bagno sarà più controllato".

VAR - Capitolo VAR. In Spagna infuriano le polemiche sui presunti favoritismi al Real Madrid. In generale, Tebas, promuove la moviola in campo ma con poco più della sufficienza. "Darei un 7. C'è ancora un po' da spiegare e anche da capire in alcuni casi. Non sono stati giorni molto belli, credo che ci sia stato anche qualche errore oltre a un grave problema tecnologico. L'Atletico Madrid è stato di 30 minuti senza VAR. Non va affatto bene".