Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Tadic: “Non mi sorprende che il Barça mi abbia cercato, ma sto bene all’Ajax”

Il giocatore dei lancieri conferma in una intervista l'interesse ricevuto dal Barça che evidentemente non lo ha lusingato a tal punto da lasciare l'Olanda.

Redazione Il Posticipo

Barcellona? No grazie. Tadic, poco prima della sfida con il Getafe in Europa League, ha rilasciato alcune dichiarazioni al De Telegraaf, che sono state riprese da AS. Il giocatore dell'Ajax conferma l'interesse ricevuto dai campioni di Spagna, che evidentemente non lo ha lusingato a tal punto da lasciare l'Olanda.

RICHIESTO - Il nome di Tadic è ritornato spesso di moda specialmente di Suarez e Dembelè. Tuttavia il Barcellona non ha ritenuto necessario acquistare alcun sostituto. Tadic, però, è stato "complice" di questo immobilismo. "Non mi ha sorpreso che volessero acquistarmi per sei mesi. Sia perché credo in me stesso e poi perché ho giocato, sinora, stagione eccellente". Certificata da 9 gol e 14 assist."Non gli do molto valore. Voglio essere importante per i miei compagni di squadra. Il Barcellona?Ho detto centinaia di volte che l'Ajax è il mio club e che non c'erano motivi per andarmene, perché ho tutto quello che voglio qui, compreso il contratto fino al 2026".

TRIPLETE - Tadic vuole restare con i lancieri e provare a vincere in Olanda e in Europa. Anche se la squadra non è la stessa dello scorso anno complici alcuni addii. E prima di salutare anche Zyech tenteranno insieme di centrare il bersaglio grosso. Prima che il suo compagno vada al Chelsea. Il viaggio parte dalla sfida al Getafe. Non facile. "Siamo leggermente favoriti. Anche se abbiamo una squadra diversa rispetto alla scorsa stagione, perché ci mancano De Ligt e De JongOvviamente preferiremmo giocare in Champions League. È la competizione storica dell'Ajax. Ma il calcio europeo è comunque una vetrina importante. Nel 2017 la squadra ha già raggiunto la finale di Europa League. Sarebbe bello centrare tutti i successi e poi salutarlo. So per esperienza personale che la Premier League è una difficile, ma credo che al Chelsea possa adattarsi bene, perché è una squadra che gioca molto in attacco".