Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Tacchinardi: “Mi ha impressionato Dybala, è un giocatore trasformato. La Juventus deve cambiare mentalità”

TURIN, ITALY - JANUARY 03: Paulo Dybala of Juventus F.C. celebrates after scoring their team's fourth goal during the Serie A match between Juventus and Udinese Calcio at Allianz Stadium on January 03, 2021 in Turin, Italy. Sporting stadiums around Italy remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

Un pareggio alla prima di campionato non deve essere un dramma, ma in casa Juventus, vincere è l'unica cosa che conta. Lo sa bene un grande ex come Alessio Tacchinardi, che dice la sua sul match con l'Udinese.

Redazione Il Posticipo

Un pareggio alla prima di campionato non deve essere un dramma, ma in casa Juventus, vincere è l'unica cosa che conta. Lo dice il motto coniato da Giampiero Boniperti, ma lo dice anche la storia. Dunque una partenza non eccezionale rischia di far annuvolare il cielo sopra Vinovo. Lo sa bene un grande ex come Alessio Tacchinardi, uno che la maglia bianconera l'ha indossata a lungo. L'ex centrocampista bianconero è intervenuto a Maracanà sulle frequenze di TMWRadio e ha spiegato che lo stop contro l'Udinese lascia sicuramente l'amaro in bocca, ma regala una Joya molto più pungente di quanto l'argentino non sia stato nelle ultime stagioni.

DYBALA - Quelle, neanche a dirlo, senza Allegri in panchina. "Mi ha impressionato Dybala, un giocatore trasformato. Fresco e mentalmente pronto a correre e lottare, messo al centro del progetto può diventare protagonista. Vedendo ieri la Juve in un 4-4-2 scolastico ti balza all'occhio Cuadrado e chi gioca un calcio diverso come Paulo. Si vede la freschezza e il livello di un grande giocatore. Ieri ha giocato dietro la prima punta e secondo me con Morata si completano perché non danno punti di riferimento. Non credo centri Ronaldo, vedo Dybala un giocatore più responsabilizzato". Un'arma in più per il tecnico toscano, che ha sempre contato parecchio sulla Joya e che ha permesso al 10 di esprimere il suo calcio migliore.

 TURIN, ITALY - MAY 27: Massimiliano Allegri during the 'Partita Del Cuore' Charity Match at Allianz Stadium on May 27, 2019 in Turin, Italy. (Photo by Daniele Badolato - Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)

LA SQUADRA - E la squadra? Si deve certamente migliorare, ma Tacchinardi è convinto che la mano di Allegri comincerà a farsi risentire a breve, soprattutto dopo le parole del tecnico a partita terminata..." La Juve ha fatto un buon primo tempo, in una condizione precaria con una sola amichevole alle spalle, era una squadra al 50%. Nel secondo tempo si è un po' abbassata e ha pagato gli errori del portiere e le occasioni sprecate. Il discorso che ha fatto Allegri nel post gara comunque fa capire che la Juve ha voluto essere bellina in questi anni e adesso bisogna cambiare mentalità". Insomma, con un Dybala e un po' più di cinismo in più, la Signora può tornare a essere meno bella ma efficace.