calcio

Tacchinardi avvisa Pirlo e la Juventus: “Brutta battuta d’arresto, prima della Fiorentina era sembrata più solida. Quarto posto? Non scherziamo…”

(Photo by Daniele Badolato - Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)

In casa Juventus, vincere è l'unica cosa che conta. Lo dice il motto coniato da Giampiero Boniperti, ma lo dice anche la storia. Dunque, non ci sono scuse neanche per uno come Andrea Pirlo, che pure è alla sua prima esperienza in panchina. E...

Redazione Il Posticipo

In casa Juventus, vincere è l'unica cosa che conta. Lo dice il motto coniato da Giampiero Boniperti, ma lo dice anche la storia. Sono pochi i tecnici che hanno resistito in bianconero senza portare trofei. E a volte, persino portare a casa lo scudetto non basta, come conferma l'esperienza di Maurizio Sarri, terminata con un addio dopo appena una stagione che ha portato comunque il nono tricolore consecutivo a Torino. Dunque, non ci sono scuse neanche per uno come Andrea Pirlo, che pure è alla sua prima esperienza in panchina. Al Maestro è stata data una fuoriserie e ora sta...imparando a guidare, non senza qualche sbandata comunque comprensibile, come conferma Alessio Tacchinardi.

BRUTTA BOTTA - L'ex centrocampista bianconero è intervenuto sulle frequenze di TMWRadio e ha spiegato che lo stop contro la Fiorentina, un pesante 0-3 casalingo mai visto finora all'Allianz Stadium, è stato un brutto colpo. E che soprattutto la sfida contro la squadra di Prandelli ha interrotto un momento che invece era abbastanza positivo per i bianconeri, che sembravano aver finalmente ingranato le marce alte nelle partite precedenti."È stata una brutta battuta d'arresto, sembrava una squadra in crescita ma credo che possa recuperare terreno. Ci può stare un po' di deconcentrazione, ma a questi livelli devi stare il più possibile sul pezzo. La Juve mi era sembrata più solida e con uno spirito decisamente diverso".

PRIMA O SECONDA - Ma si parla comunque della squadra che ha vinto gli ultimi nove campionati e in larghissima parte anche quella che ha portato a casa lo scudetto neanche sei mesi fa. E questo Tacchinardi lo sottolinea. "Rimane una squadra forte e che ha dimostrato di avere spirito. Quando si ripartirà, potrà dire ancora la sua". E gli obiettivi, visto che la Juventus...è la Juventus, non possono certo essere ridimensionati. Del resto, vincere è l'unica cosa che conta. O, vista la congiuntura, stavolta potrebbe anche andare bene andarci vicino. Ma guai a fare previsioni...disfattiste e non in linea con lo stile bianconero. "Quarto posto? Non scherziamo. O vince il campionato o arriva seconda". Una bella responsabilità per Pirlo. Che sta ancora prendendo la mano sulla sua fuoriserie, ma a cui viene chiesto...un gran premio da vero Maestro!