Superclasico, in Argentina si temono infarti: radiocronaca “rilassata” per i cardiopatici

Una partita che può attentare alle coronarie dei tifosi? Facile, un derby. Figurarsi se la stracittadina vale la Copa Libertadores. A non aiutare di certo sono…i tele e radiocronisti locali, celebri per il loro modo di vivere e di raccontare la partita molto appassionato. Forse troppo. E quindi? c’è una soluzione…

di Redazione Il Posticipo

Una partita che può attentare alle coronarie dei tifosi? Facile, un derby. Figurarsi se la stracittadina vale la Copa Libertadores ed è diluita in due scontri, distanti tra loro due settimane. Per i tifosi cardiopatici, un problema non indifferente. E viste le cifre dei mondiali, che hanno visto parecchi tifosi perdere la vita per colpa delle emozioni che solo il calcio sa dare, in Argentina sono davvero preoccupati. A non aiutare di certo sono…i tele e radiocronisti locali, celebri per il loro modo di vivere e di raccontare la partita molto appassionato. Che è bellissimo e particolarmente emozionante per chi ascolta. Ma a volte anche troppo.

RADIOCRONACA…RILASSATA – E quindi si corre ai ripari. Lo fa Società Argentina di Cardiologia, che come riporta il Clarin ha previsto per la partita di andata una radiocronaca molto particolare. Che si potrebbe definire…rilassata. Tranquilla. Quasi asettica. Certo, potrebbe perdersi un po’ di fascino, ma se l’obiettivo è evitare che gli ospedali della capitale e dintorni vengano presi d’assalto da sfortunate vittime di attacchi cardiaci, meglio così. La SAC ha trovato uno sponsor e quindi chi vorrà saperne di più sulla SuperFinal della Libertadores, ma non ci tiene molto ad avere ripercussioni di salute, potrà ascoltare un racconto della partita che possa soddisfare entrambe le (importantissime) esigenze.

MUSICA ZEN – Come funziona una trasmissione…rilassata? Facile. Le voci dei commentatori dovranno portare serenità, senza drammatizzare le situazioni di pericolo. Accanto a radiocronista e seconda voce ci sarà anche un cardiologo, che darà consigli ai due per evitare stress ai tifosi, soprattutto nel raccontare situazioni di gioco che possono causare scompensi cardiaci, come un calcio di rigore, un gol o un’espulsione. E l’ambiente? Il caos della Bombonera non potrebbe comunque far salire le pulsazioni degli ascoltatori? Nessun problema. Canale audio ambientale escluso e solo musica zen. Certo, non sarà il massimo della vita e dell’emozione. Ma per chi a causa di una partita può anche rischiare la vita, in fondo è meglio così.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy