Superclasico, il fratello di Tevez incendia i social: “Le galline non vogliono giocare!”

Tra i tifosi che commentano il rinvio della finalissima, c’è anche un…fratello d’arte che ha scatenato un piccolo putiferio online. Ma del resto, quando ti chiami Diego Tevez, i tuoi tweet hanno una eco decisamente maggiore rispetto a quelli dei comuni mortali.

di Redazione Il Posticipo

Pioggia…di tweet sul rinvio dell’andata della finale di Copa Libertadores. Certo, il fatto che un evento così atteso e temuto per motivi di ordine pubblico sia stato spostato per il meteo ha decisamente fatto sorridere più di qualcuno, ma ha anche di fatto stemperato un po’ la tensione. E quando hanno saputo che si giocherà a quasi 24 ore di distanza dal fischio di inizio originale, i tifosi di entrambe le squadre si sono scatenati sui social network. C’è anche un…fratello d’arte che ha scatenato un piccolo putiferio online. Ma del resto, quando ti chiami Diego Tevez, i tuoi tweet hanno una eco decisamente maggiore rispetto a quelli dei comuni mortali.

PRECEDENTI – Se poi il Tweet in causa recita “Le galline non vogliono giocare”, normale che i tifosi del River non l’abbiano per nulla presa bene. Anche perchè sotto c’è una bella foto di Rodolfo D’Onofrio, presidente del River, mentre corre. La didascalia? Molto significativa. “Dove vai Dono?” “A chiedere la vittoria a tavolino per la pioggia!”. Il riferimento è al match di Copa Libertadores del 2015, sospeso per lancio di spray urticante da parte dei tifosi del Boca contro il calciatori Millonarios. Dopo quell’episodio gli Xeneizes sono stati squalificati dal torneo, mentre il River è poi arrivato alla finalissima contro i messicani del Tigres, vincendo poi la sua terza Libertadores.

POLEMICHE – Il fatto che, se dovesse continuare a piovere, il match potrebbe essere ulteriormente rinviato, non rende felice il fratello dell’Apache. Anche perchè, se si dovesse giocare la prossima settimana, il River recupererebbe gli infortunati Ponzio e Scocco. Tutto calcolato dai Millonarios dunque? Diego Tevez crede di sì. “Quelli del River sono così, sono los amargas d’Argentina”. Quelli che da noi chiameremmo…i rosiconi. A quel punto però, come riporta Infobae, oltre agli applausi dei tifosi azul y oro, interviene anche qualche supporter del River. E qualcuno fa una domanda abbastanza piccata. “E se invece provaste ad avere un campo decente?”, riferimento alle condizioni della Bombonera, non ottimali anche prima del diluvio. E la…pioggia di polemiche continua!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy