Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Sudafrica, una perdita di tempo da manuale: tre minuti, tre ammonizioni e un cambio…per battere un corner!

Nel calcio, persino perdere tempo è una forma d'arte e molte squadre sono diventate esperte nel ritardare la ripresa del gioco. Ma dal campionato sudafricano arriva un vero capolavoro al riguardo: i Mamelodi Sundowns sono riusciti a impiegare tre...

Redazione Il Posticipo

Nel calcio, persino perdere tempo è una forma d'arte. E spesso permette a squadre non proprio attrezzatissime di portare a casa un buon risultato contro avversari tecnicamente più dotati. L'esempio più recente c'è stato in Europa League, quando il Getafe ha battuto l'Ajax per 2-0 basando la sua tattica sul contropiede e sul fare in modo che si giocasse il meno possibile. Risultato ottenuto, perchè nel match tra gli spagnoli e gli olandesi il cronometro del tempo effettivo ha segnato appena 42 minuti e 36 secondi. Ma dal campionato sudafricano arriva un vero capolavoro al riguardo: i Mamelodi Sundowns sono riusciti a impiegare tre minuti...per battere un corner.

CINQUE MINUTI - Tanto assurdo quanto vero, come riporta Sportbibile e come documentano alcuni video che sono già virali sulla rete. Corner fischiato al minuto 81 e battuto tre giri di lancette dopo, quando il cronometro segnava 84 primi. Se non è record del mondo, poco ci manca, considerando che di mezzo non ci sono stati infortuni (veri o finti che fossero) e neanche revisioni VAR. Tutta farina del sacco dei padroni di casa, che per difendere il 2-1 contro i Bloemfontein Celtic hanno fatto davvero di tutto. Compreso beccarsi tre cartellini gialli. Il primo a essere punito è stato Gaston Sirino, che ci stava decisamente mettendo troppo a battere il calcio d'angolo e alla fine aveva deciso di cedere l'onore a un compagno, facendo arrabbiare l'arbitro.

TRE GIALLI E UN CAMBIO - Fin qui tutto normale, se non fosse che anche Sibusiso Vilakazi, che si è avvicinato al posto del calciatore ammonito, se l'è presa parecchio comoda, costringendo il direttore di gara a tirare fuori di nuovo il cartellino. Ma la scena, più simile alle comiche che a una partita, è andata avanti. È poi stato infatti anche il turno di Hlompho Kekana, che ha seguito alla perfezione il copione dei due compagni di squadra. Giallo anche per lui, nella speranza che quel calcio d'angolo alla fine venisse battuto. E invece no, perchè l'allenatore dei Sundowns ci ha messo la ciliegina sulla torta. Considerando che aveva troppi calciatori ammoniti...ha ben pensato di fare anche un cambio, sostituendo Kekana. Risultato, tre minuti d'orologio per calciare un corner. Ma alla fine, il 2-1 è stato mantenuto. Missione compiuta!