Suarez, un addio…costoso: il Barça dovrà sborsare 14 milioni per la rescissione del contratto…

Luis Suarez è stato messo alla porta dal nuovo tecnico Koeman. La società è pronta a regalare il cartellino al Pistolero per facilitare l’addio e sgravarsi di un ingaggio particolarmente pesante, ma al Camp Nou potrebbero aver fatto male i conti, perchè la separazione dal numero nove non sarà assolutamente economica…

di Redazione Il Posticipo

La rivoluzione a Barcellona passa per l’addio di Messi, ma non solo. Un altro dei senatori blaugrana che è destinato a fare le valigie è Luis Suarez, che dopo montagne di reti e di trofei è stato messo alla porta (e anche senza troppe remore) dal nuovo tecnico Koeman. La società è pronta a regalare il cartellino al Pistolero per facilitare l’addio e sgravarsi di un ingaggio particolarmente pesante, considerando che l’attaccante uruguaiano guadagna oltre 15 milioni di euro netti. Ma se l’obiettivo finanziario è quello, al Camp Nou potrebbero aver fatto male i conti, perchè la separazione dal numero nove non sarà assolutamente economica.

14 MILIONI – Goal spiega infatti che il club potrebbe essere costretto a pagare parte dell’ingaggio a Suarez anche per questa stagione per convincerlo a lasciare la Catalogna. Il che può implicare per il Barcellona un esborso di 14 milioni, considerando che ovviamente per il club le spese sono lorde. Il contratto di Suarez scade nel 2021, con la possibilità di un rinnovo automatico nel caso l’attaccante avesse giocato il 60% delle partite della stagione che sta per cominciare. Un problema che il Barça ha deciso di risolvere alla base, offrendo la possibilità al calciatore di scegliersi la propria destinazione. Ma la buonuscita, per quanto inferiore alla spesa che avrebbe affrontato il club pagando gli stipendi a Suarez, non è esattamente bassa.

CONFUSIONE – Dunque, invece di guadagnare dalla cessione dell’uruguaiano attraverso il cartellino e togliendosi dalle spalle il contratto, il club spagnolo rischia di perderci parecchio, perchè l’addio avverrà a costo zero…per gli altri, non per le casse dei blaugrana. Un bel problema anche dal punto di vista della piazza, che non solo assiste all’addio di un calciatore amatissimo e che ha vinto molto al Camp Nou, ma vede anche in qualche modo confermato lo stato di confusione societaria in cui versa al momento il Barcellona. E lo scontro con il centravanti, che di certo non ha gradito il modo sbrigativo in cui è stato messo alla porta, non aiuterà a trovare una soluzione migliore…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy