Suarez torna a Barcellona: apre il suo terzo ristorante

Il centravanti uruguaiano è ancora legato alla sua città adottiva.

di Redazione Il Posticipo

Luis Suárez è tornato a Barcellona. Non ovviamente, a giocare. Il centravanti uruguaiano ha deciso di investire, ancora una volta, nella ristorazione, ramo d’azienda che sinora ha dato grandissime soddisfazioni al calciatore, che aprirà il suo terzo locale nella città che ha appena lasciato ma che con ogni probabilità lo vedrà ancora protagonista. Non in campo, ma in… cucina.

CASA – Il calciatore ha evidentemente eletto la Catalogna come luogo dove vivere al termine della sua carriera da calciatore. E, come riporta il Mundo Deportivo, sta già pensando al suo futuro costruendosi un piccolo monopolio legato alla ristorazione.  Sinora, l’ex giocatore del Barcellona aveva inaugurato due ristoranti a base di cucina uruguaiana, registrati sotto il marchio “El Chalito”. Uno giace in una delle strade più famose, Rambla Catalunya, e un altro nella zona di Casteldefels, quartiere “in” della città in cui il calciatore viveva fino a poche settimane fa.

IMPRESA – Il terzo ristorante, come annunciato dallo stesso calciatore, nascerà in una zona molto commerciale. Via Augusta, una delle strade più note e trafficate della città. La scelta può sembrare coraggiosa, anche in considerazione delle inevitabili difficoltà legate all’impatto del covid sulla ristorazione. In Catalogna allo status quo i locali sono chiusi sino alla fine di ottobre, ma Suarez si muove nell’ambito dell’imprenditoria con la stessa abilità con cui si destreggia in area di rigore. Il calciatore ha optato, con il suo entourage, per un ristorante che privilegia il servizio “take away”. Fra l’altro è l’unico della zona che offre un servizio del genere. Chi vorrà gustare le pietanze del ristorante del Pistolero, potrà farlo serenamente da casa, sfruttando il servizio da asporto.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy