Suarez e il suo amico Messi: “So benissimo che dolore ha provato Leo, questa situazione ha fatto stare male anche lui”

Per sei anni, l’unico modo di vedere separati Messi e Suarez era aspettare le convocazioni delle nazionali. Eppure quando torneranno in Spagna saranno da due lati diversi della barricata. Il Pistolero piega che le parole dell’argentino al momento del suo addio al Barcellona lo hanno gratificato, ma non lo hanno certo sorpreso.

di Redazione Il Posticipo

Messi e Luis Suarez, una coppia…di fatto. Per sei anni, l’unico modo di vederli separati era aspettare le convocazioni delle nazionali. Come nel caso di questa pausa, in cui la Pulce ha guidato l’Argentina alla vittoria contro l’Ecuador, mentre il Pistolero ha messo la sua firma nel 2-1 dell’Uruguay al Cile. Un duo talmente affiatato che ha deciso di raggiungere il record di Ronaldo il Fenomeno, 39 gol in partite ufficiali con la nazionale, nella stessa serata. Eppure quando torneranno in Spagna saranno da due lati diversi della barricata. Un qualcosa che ferisce ancora Luis Suarez. Il Pistolero, come riporta Goal, parla nel post partita e cita anche il suo amico Leo.

DOLORE – Soprattutto, Suarez spiega che le parole dell’argentino al momento del suo addio al Barcellona lo hanno gratificato, ma non lo hanno certo sorpreso. Anche perchè Messi sapeva benissimo quanto la situazione stesse facendo soffrire il centravanti. “Non sono stato sorpreso da quello che ha detto Messi, perchè lo conosco troppo bene. So benissimo che dolore ha provato, così come me. Ha pensato che mi abbiano cacciato dal club a colpi di moduli, c’erano altri modi per fare le cose corrette nei miei confronti. Sono stati sei anni lunghi e questa situazione ha fatto stare male anche lui. Lo vedo come un amico e sa benissimo quanto tutti noi abbiamo sofferto”.

FELICITÁ – Dunque, una situazione insopportabile. Al punto da decidere di…tradire i colori blaugrana e rimanere in Spagna piuttosto che provare un’esperienza altrove. Perchè l’importante è la felicità. “La mia famiglia voleva vedermi felice. Al Barcellona succedono cose strane, come quando ti spediscono ad allenarti separatamente perchè non sarai preso in considerazione per la partita. Cose del genere mi hanno fatto male e la mia famiglia ha visto quanto, quindi mi hanno incoraggiato a trovare altre opportunità. Quando l’Atletico Madrid mi è venuto a cercare, non ho esitato neanche un attimo. Ovviamente devo abituarmi a molte cose nuove, ma sono molto felice all’Atletico”. Ma di certo gli manca il suo amico Leo…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy